Giuseppe Gaspari, grande produttore di montature per occhiali a New York

gaspariPORTOCANNONE – Giuseppe Raffaele Gaspari nacque a Portocannone (CB), il 18 luglio del 1886, da Francesco Michele (ventinovenne “calzolaio” ) e Filomena Di Legge (ventisettenne “casalinga”). I suoi genitori si erano sposati il 3 dicembre del 1882. Dopo qualche tempo il padre unì alla bottega di calzolaio una piccola oreficeria.

Giuseppe fu mandato a studiare al Regio Istituto Tecnico di Lanciano in provincia di Chieti. Ottenuto il diploma Giuseppe decise di tentare il “sogno americano”. Giunse ad “Ellis Island”, nel 1905, a bordo del piroscafo “Antonio Lopez”. Inizialmente si stabilì nel quartiere del Bronx a New York dove fece vari e duri lavori. Ma intelligente, determinato e intraprendente qual’era non impiegò molto ad cambiare, in meglio, il suo destino. Intanto, nel 1910, aveva sposato l’italo-americana Rosina Tessitore.

La sua “J. Gaspari & Co.” produceva e vendeva gioielli e articoli ottici. Intanto lasciò il Bronx inizialmente per Harrison e infine, sempre a New York, per Rye. Intanto la sua “J. Gaspari & Co.” si specializzò sempre più nel campo ottico e i suoi occhiali divennero tra i più ricercati. I particolare suoi “lorgnettes” (“occhialini”), all’epoca assai di moda, erano richiesti anche da altri Stati. Fu anche uno dei fondatori della “Optical Manufacturers Association” di New York e della “american Optical Company”.

Giuseppe e sua moglie Rosina ebbero quattro figli: Nidia, Fulvio, Tiberio e Cornelia. Quando morì, nel gennaio del 1964, il “The New York Times” gli dedicò un importante ricordo. Cornelia, la figlia più piccola, nata nel 1922 nel Bronx seguì, insieme ai fratelli, le sorti dell’azienda familiare. Cornelia è morta, a 95 anni, nel giugno del 2018.

A cura di Geremia Mancini – presidente onorario “Ambasciatori della Fame”