Isernia Gospel Choir ha vinto il primo l’Universal Child Song Contest

14

rossana leva igc universal child

La compagine corale isernina ha partecipato al concorso promosso dall’associazione Mary’s Meal che si occupa di offrire un pasto quotidiano e completo ai bambini presso i luoghi di istruzione nei paesi più poveri del mondo

ISERNIA – L’Isernia Gospel Choir ha vinto il primo ‘Universal Child Song Contest’ promosso da Mary’s Meal, l’associazione che si occupa di offrire un pasto quotidiano e completo ai bambini presso i luoghi di istruzione nei paesi più poveri del mondo. Fondata nel 1992 col nome di Scottish International Relief, Mary’s Meal si è dedicata negli anni di attività al miglioramento della qualità della vita di tanti minorenni che crescono in condizioni disagiate e che non hanno accesso né a pasti regolari né a un’istruzione completa.

Quest’anno, Mary’s Meal ha indetto la prima edizione di ‘Universal Child Song Contest’. Sulle note della canzone omonima di Annie Lennox, partecipanti da tutto il mondo hanno sposato la causa dell’associazione di beneficenza. Tra questi, appunto, l’Isernia Gospel Choir, con una cover del brano a cura della fondatrice del coro Rossana Leva registrata in due tempi tra l’America – dove Leva, cantante e performer, vive attualmente – e l’Italia, a Isernia, dov’è la ‘base’ della formazione corale attiva dal 2013.

In una diretta andata in onda ieri sera, 22 dicembre, sulla pagina Facebook ufficiale di Mary’s Meal Italia, sono stati proclamati i vincitori del contest. Rossana e l’Isernia Gospel Choir hanno conquistato il primo premio, assegnato della giuria, che ha valutato l’esecuzione, la qualità tecnica e scenica, l’originalità e la tecnica vocale. Ha ‘virtualmente’ ritirato il premio, consegnato per l’occasione dal comico e imitatore Danilo Vizzini, il presidente dell’associazione ‘Isernia Gospel Choir & Band’ Pietro Ranieri.

La partecipazione al concorso dell’Isernia Gospel Choir e degli altri performer ha consentito a Mary’s Meal di raccogliere i fondi necessari per l’apertura di una scuola in Zambia, consentendo di poter offrire ai bambini di quell’area non solo pasti caldi ma anche un’istruzione di base. Una missione che si sposa benissimo con gli scopi sociali dell’Isernia Gospel Choir, che da sempre promuove la cultura dell’integrazione, della solidarietà e dell’unità attraverso il linguaggio universale della musica.

“Come associazione siamo fieri – ha dichiarato Ranieri – di aver partecipato a questo evento, grazie alla spinta della nostra direttrice Federica Leva e alla collaborazione sempre preziosa con la nostra madrina Rossana. Per noi, più che un indirizzo statutario, solidarietà e unità sono da sempre tratti intrinsechi: del resto, il requisito fondamentale per cantare in un coro è amalgamarsi, fidarsi dei compagni, capire – come diceva il maestro Ezio Bosso – che non arriva mai l’ultima nota, che si riprende dove finisce la sezione accanto, che solo insieme si può crescere e creare qualcosa di bello. Siamo felici di aver avuto l’opportunità di costruire insieme a Mary’s Meal uno spazio di serenità per tanti bambini che vivono oggi in condizioni disagiate. E chissà, un giorno potremmo anche scoprire tra loro qualche nuovo corista!”.