Isernia, operazione “Pasqua sicura”: servizi a largo raggio dei Carabinieri con l’impiego anche dei reparti speciali

139

Scattano denunce, sequestri e misure di prevenzione

Controlli e posti di blocco CarabinieriISERNIA – Servizi a largo raggio finalizzati a prevenire reati predatori ed altre attività illecite, sono stati predisposti dai Carabinieri in tutto il territorio della provincia di Isernia. É in pratica scattata l’operazione “Pasqua sicura”, con l’impiego di tutte le Stazioni dell’Arma dislocate nei vari comuni della provincia, dei Nuclei Operativi e Radiomobile delle Compagnie territoriali, del Nucleo Investigativo provinciale e dei reparti speciali quali le unità cinofile antidroga.

POSTI DI BLOCCHI E ALCOLTEST

Posti di blocco sono già stati istituiti lungo le principali arterie di collegamento, al momento il bilancio è di centocinquanta veicoli controllati, centottanta persone identificate tra conducenti e passeggeri, dodici le violazioni riscontrate in materia di codice della strada e sottoposti a sequestro tre veicoli poiché messi in circolazione privi di copertura assicurativa.

Quindici gli alcoltest eseguiti per accertare un eventuale guida in stato di ebrezza alcolica da parte dei conducenti, mentre numerose sono state le perquisizioni per la ricerca di armi, droga e refurtiva. Venticinque pregiudicati attualmente sottoposti a misure cautelari o di prevenzione nei cui confronti sono stati effettuati controlli sul regolare rispetto delle prescrizioni imposte dalle competenti Autorità Giudiziaria e di Pubblica Sicurezza.

ACCERTAMENTI IN TREDICI LOCALI

Eseguiti accertamenti amministrativi e in materia igienico-sanitaria presso tredici locali pubblici. Una denuncia alla competente Autorità Giudiziaria è scattata nei confronti di due pregiudicati, un 50enne ed un 38enne, entrambi di Aversa, in provincia di Caserta, in quanto il primo si è reso responsabile di violazione alla misura di prevenzione del divieto di ritorno nella provincia di Isernia, cui era sottoposto, il secondo di porto abusivo di armi, in quanto trovato in possesso di un “machete”, che teneva occultato all’interno del veicolo sul quale viaggiava. L’arma è stata sottoposta a sequestro.

La proposta di una misura di prevenzione che prevede il rimpatrio con foglio di via obbligatorio è stata invece avanzata nei confronti di una coppia, un 53enne ed una 50enne, entrambi di Campobasso, con a carico numerosi precedenti per furto aggravato e truffa, sorpresi ad aggirarsi nei pressi di alcune abitazioni isolate, mentre nei confronti di un 30enne di Isernia, è stata avanzata la proposta per l’applicazione della misura di prevenzione dell’avviso orale di pubblica sicurezza, in quanto resosi responsabile del recente passato dei reati di furto, ricettazione e spaccio di stupefacenti.