Isernia, si spacciava per funzionaria INPS per truffare degli anziani: arrestata una 49enne

63

I Carabinieri, ribadiscono ancora una volta alcuni consigli utili ai cittadini per proteggersi al meglio da condotte criminose

foto-truffa-anzianaISERNIA – I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Isernia, hanno eseguito un ordine di carcerazione nei confronti di una 49enne di origine abruzzese, con a carico numerosi precedenti per rapina, furto, spaccio di sostanze stupefacenti, associazione per delinquere finalizzata ai furti in abitazione ed altri reati contro la persona ed il patrimonio.

La donna, nel recente passato, si è resa protagonista di una serie di truffe ad danni di persone anziane, spacciandosi quale funzionario dell’INPS, chiedeva di controllare il libretto della pensione e attraverso artifizi e raggiri si faceva consegnare dalle vittime somme di denaro contante quale restituzione di eccedenze pensionistiche elargite erroneamente.

CONSIGLI UTILI PER PROTEGGERSI DALLE TRUFFE

A tal proposito i Carabinieri, ribadiscono ancora una volta alcuni consigli utili ai cittadini, in particolare alle persone anziane e più indifese, di come proteggersi al meglio da tali condotte criminose, ritenute senz’altro tra quelle che creano maggior allarme sociale:

  • Contro i tentativi di truffe, ad esempio è buona abitudine non aprire la porta di casa agli sconosciuti anche se si qualificano come appartenenti alle forze dell’ordine, avvocati o dichiarino di essere dipendenti di aziende di pubblica utilità (Enel, Inps, fornitura Gas, Telecom, etc.).
  • Se non si ricevono rassicurazioni non aprire per nessun motivo. Va ricordato che nessun Ente manda personale a casa per il pagamento delle bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false date erroneamente.
  • Evitare a tal proposito di tenere somme rilevanti di denaro contante in casa. Diffidare anche di telefonate da parte di sconosciuti che si qualificano come soggetti appartenenti alle predette categorie.
  • Quando uno sconosciuto si avvicina chiedendo di pagare un debito contratto da un parente (figlio, nipote, etc.), o perché deve consegnare un pacco contenente merce da questi ordinata, magari facendo finta di far ascoltare la voce del familiare a telefono, non consegnare per nessun motivo somme di denaro, e comunque in caso di dubbio non esitate a contattare il numero di emergenza “112”.