Isernia, volley: l’Europea 92 riparte da Giancarlo Chirichella

224

giancarlo chirichellaSi occuperà di tutte le squadre del settore giovanile, dal minivolley fino all’under 18

ISERNIA – “Più mi diverto, più mi alleno; più mi alleno, più mi diverto”. Con questa “equazione” Giancarlo Chirichella, nuovo allenatore del vivaio dell’Europea 92, presenta il suo modo di intendere la pallavolo a livello giovanile con cui approccerà in questa sua prima esperienza isernina.

Nel corso del raduno della squadra che disputerà il campionato di serie B/1 femminile per il secondo anno consecutivo, dopo i saluti di rito alle atlete ed ai tecnici, il presidente del club pentro, Mauro De Toma, ha voluto riservare uno spazio particolare proprio al nuovo coach che si occuperà delle più piccole “Per noi l’arrivo di Chirichella vuol essere un segnale di svolta nel senso della qualità. Infatti, la società – ha detto De Toma – punta forte su di lui per riuscire a dare, nel volgere di pochi anni, un futuro autoctono alla prima squadra”.

Alternatosi negli ultimi dieci anni negli staff tecnici della Volalto Caserta e del Centro Ester Napoli, Giancarlo Chirichella, 31 anni, campano, pur lavorando anche con le squadre maggiori, si è specializzato nella crescita dei vivai perché “in questo modo posso dare una impronta di crescita tecnica alle più piccole” – afferma il tecnico, che poi spiega così il suo arrivo in Molise: “Resto legato e riconoscente a Caserta perché mi ha permesso di raggiungere risultati straordinari come la vittoria del campionato regionale under 18, ma arrivo in una società come quella di Isernia conosciuta in campo nazionale per il suo blasone non solo dato dalle affermazioni della formazione maggiore, oramai alle porte della serie A, ma anche per i risultati del settore giovanile di cui si è occupato in passato anche un tecnico della caratura di Ettore Marcovecchio, molto noto nell’ambiente pallavolistico”.

Isernia, volleyChirichella si occuperà di tutte le squadre del settore giovanile, dal minivolley fino all’under 18 e alla formazione che si presenterà ai nastri di partenza del torneo di Prima Divisione regionale.

“Non vedo l’ora di cominciare con i vari gruppi, a partire dalle più piccole. Il vivaio rappresenta uno degli aspetti fondamentali per una società di serie B/1 che vuol crescere sempre di più come sta facendo l’Europea 92 in questi ultimi anni. Per questo, dopo aver parlato con i dirigenti del club, sono consapevole di avere la responsabilità della crescita delle nostre atlete, ma ciò non mi spaventa affatto, anzi, mi stimola ancor di più. Tutto questo però – spiega Chirichella – non si tradurrà assolutamente in alcun tipo di approccio legato al risultato o all’agonismo esasperato. Io punto tutto sulla crescita delle ragazze nel segno prima di tutto della tranquillità e del divertimento, dati comunque dal lavoro costante e partecipato in palestra a tutti i livelli”.