La Balena di Piazza Savoia, la presentazione del libro di Santovincenzo

126

Balena_23_novembre_CBCAMPOBASSO – Lo scorso 26 ottobre è uscito in libreria “La balena di Piazza Savoia” di Leopoldo Santovincenzo. Una storia che parte proprio dal Molise, dalla famosa Piazza Savoia di Campobasso ricordata già dal titolo. Tra pochi giorni, il 23 novembre, Leopoldo Santovincenzo presenterà il libro nello Spazio Espositivo dell’EX GIL insieme a Filippo Massari. L’evento sarà patrocinato della Fondazione Molise cultura in collaborazione con il Collettivo Giovani Giovanotti Giovinastri.

Primi anni ’70: un bambino vede una balena in una piazza al centro di Campobasso. Questa misteriosa apparizione è il punto di partenza: l’incontro è davvero avvenuto o si trattava solo di una fantasia infantile? Nessun altro degli amichetti di allora sembra ricordare il passaggio di quella balena sotto formalina, trasportata da un camion ed esibita a pagamento come in una fiera ottocentesca.

Intanto, mentre la balena dorme per molti anni sepolta nel suo inconscio, quel bambino ha scoperto la passione per il cinema e, senza sapere il perché, ha cominciato a seminare tracce nel tempo annotando su decine di agende i titoli dei film visti al cinema, archiviati all’indomani della grande crisi
che trasformerà per sempre lo spettacolo cinematografico in qualcosa di irrimediabilmente diverso. Il ventre della balena ancestrale e “quel vortice luminoso in cui si rincorrevano polvere, colori, fumo di sigarette”, la sala cinematografica, la balena e il cinema, epici protagonisti di una stagione avventurosa, sono il leitmotiv di un’educazione sentimentale e, insieme, la metafora di un immaginario destinato a fatale estinzione.

Quelle pagine delle vecchie agende ormai ingiallite costituiscono il filo di Arianna, che nel libro si intreccia, in un “montaggio alternato”, alla vera e appassionante storia della balena Goliath, ricostruita attraverso un’indagine degna di un romanzo giallo: arpionata in Norvegia nel 1954, imbalsamata e mandata a viaggiare per un quarto di secolo sulle strade d’Europa, nelle piazze delle grandi città e dei paesini sperduti, oltre la Cortina di Ferro, fino in Grecia e Israele per sbarcare poi a Bari dove inizia il suo tour nell’Italia degli anni ’70. Sullo sfondo c’è una nazione turbolenta raccontata dal punto di vista di un bambino di provincia che oggi, ormai adulto, prova a ricomporre il puzzle della memoria e a decifrare i segnali di un Paese che stava cambiando senza che ne avesse coscienza. La scoperta e l’agonia del cinema popolare, la formazione di una generazione in cerca di risposte, l’insinuarsi di nuovi immaginari che contribuiranno poi a determinare la storia più recente dell’Italia.

L’autore:

Leopoldo Santovincenzo (Campobasso, 1964). In Rai dai primi anni ’90, lavora dal 2008 alla programmazione del canale Rai 4. Autore e regista di numerose produzioni televisive, ha pubblicato saggi nei volumi Storie del Cinema Italiano (Silvana Editoriale), Riscritture. La traduzione nelle arti e nelle lettere (Bruno Mondadori), Dario Argento. Rosso come il sangue rosso come la passione (Roma Film Festival). Ha collaborato al Dizionario critico dei film (Enciclopedia Treccani/ Cineteca di Bologna). Del 2016 è il saggio Fantasceneggiati. Sci-fi e giallo magico nelle produzioni RAI (1954-1987) scritto con C. Modesti Pauer e la collaborazione di M. Rossi. È stato docente di Cinema, Fotografia e Televisione presso l’Università del Molise. Pagine: 288