La Molisana Magnolia – Dinamo Sassari, dove vedere la partita

13
battisodo in entrata
Battisodo in entrata – photocredit: Maurizio Silla

Ancora ai box Blanca Quiñonez. Il piano partita elaborato dal tecnico Sabatelli: «Difesa in vista e trovare ritmo in attacco»

CAMPOBASSO – Nessuna suggestione legata alle sirene dell’antico adagio popolare del ‘non c’è due senza tre’. La Molisana Magnolia Campobasso ritrova il pubblico amico dell’Arena e, dopo i due successi consecutivi al fotofinish su Ragusa tra le mura amiche e a Faenza nello scenario del PalaBubani, è pronta ad affrontare quella che, senza mezzi termini, è la rivelazione di quest’avvio di stagione: la Dinamo Sassari.

ISOLANE D’ASSALTO – La formazione isolana – nelle prime cinque giornate della Techfind Serie A1 di basket femminile – ha centrato ben quattro referti rosa, cedendo solo al ‘Taliercio’ sul parquet dell’imbattuta leader (con Schio) Reyer Venezia. Non solo. Dalla sua, il team affidato a coach Antonello Restivo ha anche centrato – per la seconda annata consecutiva – l’accesso alla fase a gironi della EuroCup con un doppio successo nella fase playoff sulle belghe del Kortrijk con il successivo ingresso nel raggruppamento J con le Lions londinesi e due quintetti transalpini quali le vandeane della Roche (affrontate mercoledì col rammarico di un terzo quarto che ha finito per condizionare la contesa ceduta per 79-71) ed il Villneuve d’Ascq.

«Senz’altro – riconosce alla vigilia il coach dei #fioridacciaio Mimmo Sabatelli – ci attende una partita per nulla semplice, un altro confronto intricato, come del resto sono tutti gli appuntamenti di campionato. Ogni sfida, però, ti pone davanti delle situazioni differenti e, anche questa volta, ci siamo allenati per provare a fronteggiare al meglio le difficoltà che troveremo sulla nostra strada».

ROTAZIONI ACCRESCIUTE – Rispetto ai quintetti delle passate stagioni, il gruppo isolano ha aggiunto ulteriore profondità alle proprie rotazioni con uno starting five che, attorno all’energia della playmaker ex Venezia Debora Carangelo, può contare su due statunitensi d’impatto come la guardia Samantha Thomas e la lunga Joyner Holmes, sulla tiratrice polacca Anna Makurat e sull’ala-pivot svedese Elin Gustavvson. Ulteriori puntelli per il gruppo sardo l’ala piccola capitolina – ex di giornata – Giulia Ciavarella (tre stagioni con la divisa rossoblù come seconda pelle), la regista Federica Mazza e l’interna Sara Toffolo.

SECOND LIFE – La sfida che andrà a chiudere il mese cestistico d’ottobre a livello di confronti ufficiali sarà il secondo appuntamento tra magnolie ed isolane nell’arco dell’attuale stagione. Le due squadre, infatti, si sono affrontate poco più di un mese fa – lo scorso 25 settembre – sempre nello scenario dell’Arena in occasione della finale del torneo ‘Campobasso per lo sport’, gara particolarmente tirata risolta da un buzzer-beater da centrocampo di Carangelo in grado di mettere a segno il canestro del 70-67 finale in favore della Dinamo.

«All’epoca però ambedue le squadre erano rimaneggiate perché loro non avevano a disposizione né Holmes, né Ciavarello e noi eravamo senza Perry e Quiñonez», ricorda Sabatelli pronto però ad aggiungere che «il potenziale di Sassari è rilevantissimo. Il loro primo quintetto ha tanti punti nelle mani. Sarà determinante non farle esaltare».

TARGET MULTIPLI – Peraltro, per un team, come quello rossoblù, che fa della difesa il proprio must quello contro Sassari sarà, a tutti gli effetti, un vero e proprio ‘esame di maturità’.

«Non possiamo prescindere dalle nostre peculiarità – aggiunge il coach delle magnolie – che saranno determinanti per cercare di limitare l’energia di Carangelo e le doti balistiche di Thomas e Makurat, prime bocche da fuoco delle nostre avversarie, senza dimenticare tutti gli altri riferimenti che rendono particolarmente complicata la contesa. Se, ad esempio, nella scorsa stagione, Lucas e Shepard rappresentavano gli assoluti riferimenti del gruppo, il poter avere dalla loro numerose soluzioni rende l’attuale roster di difficile scoutizzazione, aumentando le difficoltà di preparazione della contesa, anche se abbiamo cercato di lavorare al meglio in settimana per avvicinarci nel miglior modo possibile a questo appuntamento».

BLANCA ALLA FINESTRA – Fisicamente il gruppo rossoblù è in buone condizioni di forma complessive, ma, così come a Faenza, dovrà fare a meno dell’ala ecuadoriana Blanca Quiñonez.

«Lei – spiega Sabatelli – dovrà osservare ancora un periodo di riposo. Per il resto, però, il gruppo è in buone condizioni e determinato a dare continuità agli ultimi risultati ottenuti».

FATTORE PUBBLICO – Cercando, magari, di prendere ulteriore energia dai propri sostenitori. «Questa squadra è in simbiosi con il nostro fantastico pubblico – aggiunge – e l’auspicio è quello di vedere ancora più persone rispetto a quelle già presenti contro Ragusa per vivere una domenica di assoluta festa».

PIANO PARTITA – In tal senso, da un punto di vista tattico, per coach Sabatelli sarà opportuno «giocare d’insieme sia in difesa che in attacco, facendo emergere le peculiarità del nostro gioco e cercando di trovare i giusti ritmi così da mettere subito in partita i nostri punti di riferimento».

FISCHIETTI E MEDIA – Con esclusiva diretta streaming su Lbftv, piattaforma pay della Lega Basket Femminile, con appuntamento domenicale al 30 ottobre con avvio all’insegna della palla a due alle fissata per le ore 18, La Molisana Magnolia Campobasso-Banco di Sardegna Dinamo Sassari sarà regolata dalla terna di fischietti designati composta dal ciociaro Gianluca Gagliardi, dal pontino Lorenzo Lupelli e dall’estense Rebecca Di Marco.