La storia di Theodore Lalli grande “sarto su misura” e designer in USA

theodoreCOLLETORTO (CB) – Teodorino “Theodore” Lalli nacque a Colletorto (CB) in via Mulattieri, il 3 ottobre 1894 da Celestino (ventiquattrenne “sarto” nato a Bonefro – figlio di Giuseppe e Anna Maria Teutonico) e di Filomena Paradiso (venticinquenne “donna di casa” nata a Colletorto – figlia di Teodoro e Gaetana Spino).

I genitori di Teodorino si erano sposati il 1 novembre del 1890 a Colletorto e in comune l’atto del matrimonio fu registrato dinanzi al sindaco di allora Ettore Minni. Dal patrimonio oltre a Celestino arrivarono due figlie: Anna e Maria. Nel 1911 Celestino, era già precedentemente emigrato, decise di far giungere Teodorino in America. Il ragazzo, aveva solo 16 anni, giunse ad “Ellis Island” sul piroscafo “Oceania”.

L’anno successivo il resto della famiglia li raggiunse arrivando ad “Ellis Island” sul piroscafo “ San Guglielmo”. Il padre, Celestino, aveva scelto di vivere e lavorare a Brockton nel Massachusetts dove aveva aperto una piccola sartoria. Teodorino oramai per tutti “Theodore” diverrà uno dei più affermati designer e “sarti su misura” del settore abbigliamento. Lavorò per anni alla “ Harward Cooperative” dove era entrato nel 1929. Ricercato per le sue grandi capacità di “sarto su misura” da case di moda, attori, politici e alti prelati. Nel 1921 sposò Rumilda Gennaco di tre anni più giovane di lui. Nel censimento del 1940 risultavano 4 figli: Armand Chester (16 anni), Gilda (13), Theodore Jr. (10) e Lorraine (5). La moglie, figlia di un autorevole personaggio di Brockton, ricoprì importanti ruoli nelle associazioni cittadine ed affiancò in marito in molte delle sue attività.

“Theodore”, fu anche per diletto attore teatrale in ruoli drammatici, diresse per anni il “Salvini Dramatic Club” di Brockton. Nel 1937 fu tra i fautori e fondatori della sede “Italian Building” di Brockton dedicata a Guglielmo Marconi. Ricoprì ruoli in fondazioni, associazioni ed enti di grande importanza. Sostenne sempre, con spirito filantropico, le varie associazioni italo-americane ed in particolare quelle della sua terrà d’origine.

Foto: 1937 inaugurazione della “Italian Building” di Brockton. “Yheodore” è il secondo da sinistra e alla sua destra c’è il Sindaco Lawrence Crowley.

A cura di Geremia Mancini – presidente onorario “Ambasciatori della fame”