L’Italia primeggia per l’obesità infantile: i medici di AMIOT per la prevenzione nelle scuole

ISERNIA – Ritorna nelle scuole italiane la campagna itinerante contro l’obesità infantile “MANGIA BENE, CRESCI BENE”: triplo appuntamento a Isernia il 20, 24 e 27 Febbraio 2016.

Dall’inizio della campagna, nel Febbraio 2015, “MANGIA BENE, CRESCI BENE” sta attraversando tutta Italia realizzando 350 incontri nelle scuole, suddivise tra medie ed elementari, formando un totale di circa 16.000 studenti e quasi 6.000 genitori. In ciascun istituto, i medici di AMIOT tengono degli incontri formativi sulla sana alimentazione distribuendo il kit didattico a ragazzi e genitori.

In Italia 1 bambino su 4 è sovrappeso, 1 su 10 obeso. Sono allarmanti i dati sul consumo quotidiano di bibite zuccherate e gassate. Le regioni del centro-sud le più colpite: primato alla Campania con 1 bambino su 2 sovrappeso. 1 genitore su 2 non conosce i corretti stili alimentari.

La campagna itinerante si muove per la prevenzione dell’obesità infantile portando avanti un lavoro di formazione sia di alunni che genitori, perchè la corretta alimentazione si impara prima di tutto in famiglia. La Dott.ssa Linda Alfieri spiegherà l’importanza di un’alimentazione salutare e l’adozione di corretti stili di vita agli alunni e ai loro genitori di alcune scuole elementari di Isernia.

Nello specifico gli appuntamenti saranno tre: Sabato 20 Febbraio, nella fascia oraria 09.00-11.00, per gli alunni dell’ I.C. Giovanni XXIII – Plesso San Lazzaro e successivamente (11.00/13.00) per i loro genitori; nella giornata invece di Mercoledì 24 Febbraio, nella fascia oraria 17.00-18.00, saranno coinvolti i genitori dei ragazzi che frequentano l’ I.C. Giovanni XXIII; ed infine nella giornata di Sabato 27 Febbraio verranno coinvolti gli alunni dell’I.C. Giovanni XXIII – Plesso San Leucio nelle fasce orarie delle 09.00-11.00 e delle 11.00-13.00.

Il progetto promosso dal MOIGE (movimento genitori) è realizzato con il patrocinio scientifico di SIPPS (società italiana di pediatria preventiva e sociale) e di AMIOT (Associazione Medica Italiana di Omotossicologia) e con il contributo incondizionato di GUNA S.p.A.