Nuovo Coni Molise, il bilancio del primo anno di attività

28

Coni Molise

REGIONE – Una buona notizia per il mondo dello sport è l’intesa raggiunta mercoledì scorso in Conferenza Stato-Regioni sulle nuove disposizioni per l’attività sportiva, con la ripresa dei campionati ed il rinvio delle gare quando il numero dei positivi di un club risulta superiore al 35% del gruppo squadra. È prevista la sorveglianza della squadra l’utilizzo di tamponi antigenici e/o molecolari, nel rispetto dei criteri definiti dal Ministero della Salute; in presenza di un caso di positività all’interno della Squadra, la persona viene messa in isolamento, monitorata e controllata così come previsto dalla normativa sanitaria nazionale.

I contatti ad alto rischio saranno sottoposti a test antigenico ogni giorno per almeno 5 giorni e obbligo di indossare la mascherina FFP2 in tutti i contesti in cui non viene effettuata attività sportiva. Il protocollo si applica indipendentemente dallo stato vaccinale. Va comunque effettuato un test antigenico con esito negativo 4 ore prima della gara.

Queste disposizioni consentono al mondo dello Sport di ripartire in sicurezza dopo gli anni difficili che speriamo di lasciarci alle spalle. Ma, se si guarda oltre la pandemia, è chiaro che il 2021 è stato per lo Sport un anno sensazionale sia a livello nazionale che regionale.

In ambito nazionale basta ricordare le vittorie ottenute nel Calcio e nella Pallavolo maschile e femminile, nel Tennis nella finale di Wimbledon con Berrettini e nel mondiale nella crono di ciclismo con Ganna, per arrivare poi agli splendidi risultati alle Olimpiadi e alle Paralimpiadi con una vera e propria valanga di medaglie.

Per il 2022 l’asticella si è alzata parecchio, ma c’è un grande e importante obiettivo da raggiungere: la legge nazionale sullo sport deve necessariamente essere rivista e il CONI deve tornare ad essere il centro e il punto di riferimento dello sport italiano, dalla base fino alle medaglie olimpiche.

La diatriba con Sport e Salute, che è nata negli anni precedenti sta creando caos e confusione, non è chiaro dove arriva l’una e dove si ferma l’altra, quali siano esattamente ambiti e competenze di entrambe; questo potrebbe portare ad una crisi che sconteremo alle prossime Olimpiadi di Parigi o nelle successive del 2028. Se ne sta discutendo anche in Conferenza Stato Regioni dove è stato chiesto appunto un chiarimento sulla cosa.

Per quanto concerne l’ambito regionale è importantissimo cogliere le opportunità che verranno dal PNRR, in particolare per quanto concerne l’edilizia scolastica sportiva. Il nuovo bando, che scade il 28 febbraio 2022, prevede la realizzazione o la ristrutturazione di palestre scolastiche che, successivamente alla realizzazione, devono obbligatoriamente essere destinate anche alle società sportive. Purtroppo negli ultimi mesi tanti dirigenti scolastici hanno dovuto o voluto chiudere le proprie palestre a causa della pandemia e questo ha messo in crisi tante associazioni che si sono viste privare dei luoghi dove fare attività di base con i propri bimbi. E’ quindi importante che i Comuni partecipino al Bando del PNRR così da poter accedere ai fondi per la ristrutturazione degli impianti sportivi scolastici. Il Coni Molise mette a disposizione dei sindaci, gratuitamente, i propri tecnici che possano guidarli nelle fasi di progettazione per la parte sportiva.

A livello regionale aspettiamo ancora dalla Regione il rinnovo del Piano triennale dello Sport 2022/2024, unica boccata d’ossigeno per le nostre ASD SSD in questa fase così delicata e soprattutto dopo quest’ultimo blocco delle attività di base dovuto all’innalzamento della curva pandemica e i danni cominciano ad essere evidenti: mancate affiliazioni alle proprie federazioni o enti, perché prive del sostegno economico derivato dagli introiti dei corsi che fanno con i bimbi.

Il 2022 si presenta come un anno ricco di iniziative per il Coni Molise; appena la situazione Covid tenderà a migliorare partiranno i due progetti in collaborazione con i Comuni che hanno aderito: ‘Anni in Movimento’ destinato allo sport della terza età e ‘Mio Amico Sport’ per la scuole dell’infanzia. Hanno già aderito al primo progetto circa 30 comuni e 20 al secondo ma le adesioni continuano ad arrivare anche in questi giorni. A breve partiranno anche i Centri CONI ai quali hanno aderito 23 Asd per un totale di 12 Centri CONI (9 sulla provincia di CB e 3 su quella di IS): un risultato mai visto e anche inaspettato visto il periodo, ma che fa capire chiaramente che la strada intrapresa dal Coni Molise è quella giusta.

La nuova dirigenza del Coni Molise guidata dal presidente Vincenzo D’Angelo sta portando avanti la realizzazione dei punti previsti dal programma elettorale e il prossimo passaggio sarà la creazione di un Infopoint per dare un servizio di assistenza alle associazioni sia per le progettualità sia per l’ottenimento di risorse rese disponibili da Enti pubblici, sia per informazioni sulle costituzioni di società, affiliazioni ecc. e per i Comuni per i progetti di impiantistica sportiva (edilizia sportiva scolastica prevista nel PNRR Istruzione).

E’ in corso una collaborazione fattiva con il Convitto “M. Pagano” per l’organizzazione delle Convittiadi che si svolgeranno per la prima volta in Molise. Grazie a questa sinergia che si è creata tra il CONI Molise e la vulcanica “Rettore” del Convitto Rossella Gianfagna arriveranno a Campobasso un migliaio tra atleti accompagnatori e genitori a riempire le nostre strutture ricettive e ad ammirare il nostro territorio.

Tra le tante attività organizzate in questo primo anno della Scuola Regionale dello Sport si ricorda l’attivazione di alcuni webinar, tra questi quello relativo allo ‘Stretching’ con 150 iscritti al punto che è stato necessario replicare a causa delle tante richieste arrivate, un secondo webinar sul tema del ‘Riscaldamento’ è andato sold out in sole tre ore e sono arrivate molte richieste per replicarlo, infine il webinar sulle ‘Dinamiche respiratorie nello sport’. Rimane in serbo il corso per Tecnico di 1 livello che verrà realizzato non appena la situazione dei contagi calerà e consentirà di poterlo svolgere in presenza.