Omaggio all’eroina calabrese Lea Garofalo

lea garofaloCAMPOBASSO –  Il Comune di Campobasso definisce i dettagli della giornata-omaggio dedicata all’eroina calabrese Lea Garofalo, al suo coraggio, alla sua voglia di sconfiggere la malavita, a quel senso di giustizia che l’ha portata a combattere un sistema che l’ha inghiottita prima e barbaramente uccisa dopo.

Una giornata, in programma a Maggio, che l’Assessorato alla Cultura del Comune di Campobasso dedica alla memoria della giovane testimone di giustizia barbaramente uccisa dalla ‘ndragheta che, per liberarsi anche del suo cadavere, l’ha poi carbonizzata.

Diversi gli eventi in programma: la mattina si parte con un incontro nelle scuole che rientra nel progetto sulla legalità che lo stesso Comune di Campobasso porta avanti già da tempo con notevole successo. Momento saliente sarà lo spettacolo in programma in serata, al Teatro Savoia, dal titolo “La Bastarda, una vita coraggiosa” di Rosario Mastrota che porta in scena la vita di Lea Garofalo, che senza paura decise di testimoniare contro la sua famiglia e quella del suo compagno Carlo Cosco.

Una storia in bilico tra il coraggio e la ribellione, tra la voglia di voltare pagina e la violenza di un’organizzazione malavitosa che non accetta di essere messa in discussione. Lo spettacolo racconta l’orrore che ha vissuto la piccola grande donna, che i suoi carnefici hanno chiamato “bastarda”, e quello patito dalla figlia Denise che lei ha protetto con tutte le sue forze fino all’ultimo giorno.

Uno spettacolo che vuole puntare i fari su una vita in particolare, ma che è poi il riflesso di tante vite rimaste nell’ombra, dove il coraggio di cambiare non sempre viene seppellito dalla potenza della malavita. La serata proseguirà con un dibattito sulla protagonista al quale parteciperà anche la sorella Marisa che ha difeso, a spada tratta, il coraggio di Lea e che racconterà, insieme a Paolo De Chiara, autore di un libro sull’eroina di Petilia Policastro, quello che su Lea Garofalo c’è ancora da sapere.