Operazione “Le Stradelle”: tre persone arrestate nel blitz antidroga

12

carabinieri palettaLARINO – Nell’ambito di indagini concernenti la prevenzione e la repressione del traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, la Compagnia di Larino del Comando Provinciale dei Carabinieri di Campobasso, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Larino, nella mattinata odierna, ha dato esecuzione a tre ordinanze cautelari nei confronti di altrettanti soggetti locali.

Le indagini nascono nel febbraio 2022 per cercare di porre fine alla fiorente attività di spaccio di droga che si perpetrava nel comune di San Martino in Pensilis. I Carabinieri della Compagnia di Larino, diretti dalla locale Autorità Giudiziaria, hanno intrapreso un’attività investigativa che ha portato a localizzare in San Martino in Pensilis il centro di spaccio. Proprio il nome “Le stradelle” appunto, è stata la denominazione dell’attività investigativa a conferma del fatto che le cessioni cristallizzate fossero state accertate nel centro della località sammartinese.

Le indagini, durate quattro mesi e conclusesi poco prima dell’estate scorsa, sono state poste in essere con sofisticate apparecchiature, appostamenti e riscontri investigativi per un giro d’affari che fruttava nelle tasche degli indagati almeno cinquemila euro al mese.

Gli acquirenti provenivano, per la maggior parte, dal Basso Molise e dalla zona costiera termolese ed avevano un meccanismo ben rodato nell’acquisizione della sostanza stupefacente. Gli assuntori, infatti, giungevano dinanzi l’abitazione di uno degli indagati con il danaro e, dinanzi la porta, ricevevano la droga per poi allontanarsi repentinamente tra le strette vie del paese.

Sovente, sono stati riscontrati episodi di spaccio anche mediante consegna “a mano” da parte di uno degli indagati che agiva in prossimità dell’abitazione, luogo del rifornimento. Diverse centinaia le cessioni documentate dai militari dell’Arma che, durante l’attività investigativa, hanno sottoposto a sequestro varie dosi di cocaina e hashish.

Per uno degli indagati la competente Autorità Giudiziaria ha emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere, mentre per un altro soggetto coinvolto è stata disposta la misura cautelare domiciliare. Infine, il terzo dei tre è risultato destinatario dell’obbligo di dimora.

L’indagine, che si inserisce in un più ampio contesto di attività preventiva e repressiva nella zona del Basso Molise, posto in essere dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Campobasso, su direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Larino, enfatizza il meccanismo vincente di collaborazione e fiducia del cittadino nei confronti delle Istituzioni.