Ospedale Vietri di Larino, il commento del Sindacato Operai Autorganizzati

34

logo soa - Sindacato Operai AutorganizzatiLARINO – “Abbiamo sempre sostenuto che i servizi sanitari erogati dal Vietri erano essenziali per supportare il bacino di utenze dell’intero basso Molise ed alleggerire il nosocomio termolese, unico presidio rimasto nell’area, ed in grande affanno.

Oggi, alla luce delle direttive ministeriali, che prevedono di istituire in regione un centro unicamente dedicato ai casi Covid, condividiamo il progetto del commissario ad acta che ha individuato nel Vietri di Larino un centro specialistico per le malattie infettive a patto che garantisca a tutto il territorio anche i servizi sanitari adeguati.

Apprendiamo dai media che domani 6 giugno 2020 ci sarà un presidio nei pressi del Vietri con il plauso e l’adesione proprio di quelle figure politiche artefici dello smantellamento sistematico e progressivo dei nostri ospedali pubblici favorendo quelli privati.

Le passerelle politiche le rinviamo al mittente, la nostra battaglia popolare per la sanità pubblica in Molise continuerà ma distanziati dalle logiche corporative del Forum per la sanità pubblica di qualità del Molise.

Per queste ragioni non riteniamo opportuna la nostra partecipazione al presidio e continueremo a lavorare per organizzare la grande manifestazione popolare già indetta dall’aggregazione dei liberi cittadini in lotta per la sanità pubblica per il giorno 23 giugno 2020 presso l’area antistante della regione Molise”. Lo si apprende in una nota del SOA, Sindacato Operai Autorganizzati.