Polisportiva Kalena 1924 – Lokomotiv Riccia 3-2: il racconto del match

15

kalena vs riccia

CASACALENDA – È terminata con il risultato di 3 – 2 la partita tra la Polisportiva Kalena 1924 ed il Lokomotiv Riccia nella venticinquesima giornata del Campionato regionale di Prima Categoria, girone B, giocata a Casacalenda domenica 8 maggio. Nel pomeriggio che sembrava autunnale, è stata la pioggia a farla da padrone sul sintetico di Casacalenda dall’inizio alla fine della partita a cui il signor Mattia Zurlino, della sezione di Termoli, ha dato il via alle 16.30.

Le due squadre in campo sono separate da soli tre punti in classifica generale, a favore della Kalena, ed entrambe lottano per un posto nei Play Off. Il Lokomotiv Riccia è reduce da un’importante vittoria con i pugliesi del Biccari e vuole portare in pari i punti con i rossoneri che, a loro volta, vogliono allungare e continuare la striscia di vittorie consecutive. Per la terza volta, Mr. Nicolino Di Tullio è lontano dalla panchina e, costretto a casa causa Covid19, segue i suoi in videoconferenza.

La Polisportiva entra concentrata in partita e lo dimostra subito spingendo forte sull’acceleratore. Trascorrono poco più di 5 minuti e il centrocampista Michele Iacobelli effettua un passaggio filtrante per il diciassettenne Antonio Martino che prende palla, corre, salta tutti gli avversari, si porta in area di rigore e spiazza il portiere che gli era uscito incontro segnando il primo gol della partita.

I rossoneri, euforici, perdono la concentrazione e si rilassano. Il Riccia non resta a guardare e approfitta della situazione facendosi pericoloso e insidioso. Gli ospiti, infatti, si procurano un rigore al 24° e tocca al Capitano Simone Pontelandolfo portarsi sul dischetto degli 11 metri e trasformarlo. Con il punteggio in parità finisce il primo tempo.

Nella ripresa la Kalena torna in campo più determinata e capisce che può vincere quando, dopo soli 8 minuti, Martino dalla destra crossa al centro in area di rigore avversaria e trova Domenico Di Lalla che, di testa, non si fa scrupoli e insacca riportando in vantaggio i suoi con il 2 a 1. La gioia, però, dura poco più di un quarto d’ora poiché al 66° arriva il gol del pareggio del Riccia e cala il gelo al Faidazzo.

Entrambe le squadre effettuano le sostituzioni per immettere energia fresca in campo e per cercare di non lasciare il risultato sul pari. La più fortunata è la squadra di casa. Cristian Frenza viene atterrato fallosamente in area di rigore e per il Signor Zurlino non c’è dubbio, è rigore. Ci pensa bomber Di Lalla a portarsi solo, a 11 metri dal portiere ed attendere il fischio dell’arbitro. Breve rincorsa, parte il destro, spiazza il portiere e va ad esultare sotto gli spalti per aver riportato in vantaggio la squadra e realizzato la sua terza doppietta consecutiva. È il minuto numero 76 sul cronometro di gara.

Non resta che controllare il risultato e spazzare fuori quando gli ospiti si portano in avanti. Trascorrono così anche i 4 minuti di recupero ed arriva il triplice fischio finale che consegna alla storia il risultato di 3 a 2 e la triplice vittoria consecutiva per la Kalena.

“Mi hanno fatto sudare in panchina i ragazzi – dichiara Antonio Rosa Presidente della Polisportiva – Abbiamo sofferto un po’ ma, alla fine, è arrivata la meritata vittoria che ci consente di raggiungere quota 40 in classifica generale a 2 punti dalla zona playoff. L’assenza di Mr. Di Tullio si sente e ai ragazzi mancano i suoi incitamenti dalla panchina. La D.A.D., per il calcio, non funziona. Mercoledì prossimo abbiamo in contemporanea le due sfide di Molise Cup sia per gli Allievi U17 che affronteranno la Juvenes per il passaggio in semifinale che per la prima squadra che avrà la trasferta a San Martino per il passaggio ai quarti di finale. I ragazzi dovranno riprendere subito fiato per affrontare le sfide di mercoledì e domenica prossimi. Auguro, perciò, la pronta guarigione a Nicolino Di Tullio. Abbiamo bisogno di lui in presenza”.

Il prossimo turno vedrà la Polisportiva Kalena 1924 nella difficile trasferta di Biccari domenica 15 maggio.