II edizione di Rocciamorgia a Campobasso dal 3 al 6 agosto

rocciamorgia locandinaCAMPOBASSO – È stata presentata presso l’Assessorato alla cultura della Regione Molise, a Campobasso la seconda edizione di Roccamorgia, il Festival culturale che si svolgerà dal 3 al 6 agosto tra Trivento, Salcitoe Pietracupa. Dopo il grande successo dello scorso anno, l’edizione 2018 si presenta con una proposta articolata, ricco di appuntamenti e affronterà temi diversi di cui se ne parlerà durante la quattro giorni di eventi. Territori, frontiere, memorie e paesi questi i focus che verranno affrontati con i linguaggi dell’arte, la musica e il teatro che saranno elementi importanti per stimolare e per risvegliare la consapevolezza su questi temi.

“Attraverso questa manifestazione – ha spiegato il direttore artistico Antonio Seibusi, nonché presidente dell’associazione ‘Il Molise di mezzo’ la stessa che promuove l’iniziativa’ – si può attivare un processo di conoscenza del territorio. I temi che saranno trattati – ha continuato – sono molto importanti e possono farci percepire il nostro Molise anche in un contesto come è quello nazionale e mondiale”.

Architettura, paesaggio, memorie, frontiere, ma anche storie di luoghi e di vicende umane come quella di Giovanni Porfirio, partigiano molisano, di cui se ne racconterà la storia e di cui si visiteranno i luoghi. Eventi, dunque, che si relazionano tra loro e alle tematiche che vengono affrontate così come dovrebbe esserci una relazione territoriale tra le comunità limitrofe.

“Ci teniamo a sottolineare – ha aggiunto ancora Seibusi – gli aspetti delle comunità per rimettere al centro la comunicazione dei cittadini”.

Infatti come è stato ribadito anche dai sindaci di Triventoe Pietracupaè importante che le piccole comunità si mettano in contatto, in comunicazione per promuovere il territorio insieme.

La manifestazione vedrà la presenza dei presidenti delle regioni limitrofe per discutere delle aree interne e dello sviluppo del territorio e inoltre diversi saranno i personaggi di spicco nazionale che allieteranno le serate attraverso la loro arte e la cui presenza permetterà di portare il territorio molisano fuori dai confini regionali. e magari anche nazionaleli. Un segno permanente sarà lasciato dagli artisti che attraverso la street art lasceranno le loro opere a tema lungo le strade dei tre paesi che saranno la location dell’iniziativa. Come ha rivelato il direttore artistico, infine, non mancheranno delle sorprese.