Arduino Colalillo “maestro” conciatore nel New Jersey

36

Gestì anche una fortunata attività di vendita di pregiate pellicce per uomo e donna. Era nato a Bojano, in provincia di Campobasso, nel 1904

conciatoreBOJANO – Arduino Colalillo nacque a Bojano, in provincia di Campobasso, il 3 marzo del 1904, da Carlo Bartolomeo Maria (trentunenne “calzolaio” – figlio di Antonio e Carolina Colariccio) e da Filomena Gentile (ventitreenne “casalinga” – figlia di Carmine e Francesca Spina). I suoi genitori si erano sposati a Bojano il 29 gennaio del 1899. Prima di Arduino in casa Colalillo arrivarono Giovanni Camillo Felice (n. 21 febbraio 1900) e Albino (n. 6 marzo 1902). Il padre, Carlo, emigrò verso gli Stati Uniti nel 1904 e aprì una avviata attività di calzoleria. Ardunio a soli sedici anni partì (con tutto il resto della famiglia) per raggiungere il padre e coronare il suo “sogno americano”. Giunse ad “Ellis Island”, nel 1920, a bordo del piroscafo “ Ferdinando Palasciano”.

La famiglia Colalillo stabilì la propria residenza a Newark nel New Jersey. Arduino apprese il mestiere di “conciatore” di pelli e pellicce e successivamente, nel 1940, avviò una sua propria e fortunata attività. Per lunghi anni rappresentò un assoluto riferimento del settore. Aprì anche un negozio per la vendita di pellicce da donna e da uomo. Nel 1930 sposò l’italo-americana Maria Marcantuono (n. 1903 – m. 1982) che gli diede due figli: Arduino Jr. e Philomena (n.1930-m.1999). Arduino aveva nostalgia della “sua” Bojano e così, nel 1949, volle rivedere il suo paese portando con se mogli e figli. Poi il ritorno in New Jersey. Arduino morì nel 1965.

Foto: un conciatore.

A cura di Geremia Mancini – presidente onorario “Ambasciatori della fame”