Bojano, lavoro sommerso: denunciato il gestore di un bar

54

norm bojano

BOJANO – All’una di notte l’Operatore della Centrale Operativa di Via Croce riceve diverse telefonate dei residenti di un piccolo paese dell’hinterland bojanese, esasperati per il vociare provocato dagli avventori di un bar. L’equipaggio intervenuto nella piazza centrale del paese, riscontrava la presenza di un piccolo gruppetto di giovani, intenti a consumare bevande e prontamente identificati.

Accertata l’assenza di rumori e/o urla moleste, i Carabinieri procedevano al controllo dell’attività commerciale, chiedendo all’unico gestore presente contezza sulla somministrazione delle bevande. Successivi accertamenti facevano sorgere alcuni dubbi agli operanti atteso che dalla documentazione fornita dall’uomo, non risultava la regolarità della sua presenza al bancone di mescita.

Il 42enne, residente in paese, ammetteva essere un sostituto del titolare, al momento non presente, di non essere assunto bensì disoccupato e di prestare l’attività lavorativa a titolo di cortesia. Gli avventori presenti dichiaravano aver ordinato e pagato le consumazioni al ragazzo che serviva al bancone.

Attesa l’assenza di qualsiasi titolo in capo al 42enne, ovvero essere privo della dovuta formazione sulla sicurezza e sui rischi per la salute del lavoratore, nell’alveo di direttive e controlli periodici, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del Comando Compagnia di Bojano, deferivano il gestore dell’attività che dovrà rispondere all’Autorità Giudiziaria di Campobasso delle fattispecie penali ex D. Lgs. 81/2008 (Obblighi del datore di lavoro in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro; informazione sui rischi per la salute del lavoratore; Formazione dei lavoratori sulla sicurezza e sui rischi per la salute).

Analoghe attività ispettive saranno estese ad altre attività commerciali ed esercizi pubblici insistenti sul territorio di pertinenza della Compagnia Carabinieri di Bojano, specie nel fine settimana, con l’intento di incidere sull’uso smodato di bevande alcoliche tra i giovanissimi, oltre che arginare e far emergere il lavoro sommerso.