Buoni-spesa per il sostegno alle famiglie in difficoltà a Isernia

42

buoni spesa covid-19ISERNIA  Il sindaco Giacomo d’Apollonio e l’assessore al welfare Pietro Paolo Di Perna rendono noto che, sul sito web del Comune di Isernia, è consultabile l’Avviso, pubblicato ieri 25 marzo, avente ad oggetto “Buoni-spesa per il sostegno alle famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”.

«L’importo complessivo dei contributi di cui trattasi è pari a 148.285,53 euro, di cui all’ordinanza della protezione civile nazionale n. 658/2020 – hanno dichiarato il sindaco d’Apollonio e l’assessore Di Perna –. In esecuzione della deliberazione di giunta comunale n. 187 del 10 dicembre scorso, sono stati già consegnati buoni-spesa, finalizzati al rifornimento di generi alimentari, per un importo pari a 39.920,oo euro. Il Comune vuole, quindi, utilizzare le restanti risorse, per circa 108.000 euro. Gli aiuti – hanno spiegato d’Apollonio e Di Perna – sono destinati ai nuclei familiari maggiormente esposti ai disagi derivanti dall’emergenza pandemica, per soddisfare i bisogni più urgenti ed essenziali, dando precedenza alle famiglie che non dispongono di sufficienti forme reddituali. L’importo dei contributi da erogare verrà ripartito in base a una graduatoria che terrà conto delle priorità specificate nell’Avviso».

COME FARE RICHIESTA

Le istanze per la richiesta degli aiuti alimentari dovranno essere presentate entro venerdì 9 aprile, a mezzo Pec, all’indirizzo comuneisernia@pec.it, oppure con invio attraverso i patronati, le associazioni di volontariato e gli enti del terzo settore che si rendano disponibili. Il modulo della richiesta è scaricabile dalla home-page del sito istituzionale del Comune di Isernia È possibile chiedere informazioni al numero di telefono 0865/449275, dalle ore 10 alle ore 13, nei giorni 29 e 30 marzo, nonché 1°, 6, 8 e 9 aprile. La valutazione delle domande, pervenute nei modi e termini previsti, sarà effettuata dall’Ufficio delle Politiche Sociali dell’Ente avvalendosi, eventualmente, anche degli uffici dell’Ambito Sociale Territoriale sulla base di apposita griglia di punteggi.