Capracotta inclusiva: alla villa comunale arrivano i giochi accessibili

49

CAPRACOTTA – Il sindaco Candido Paglione usa un’espressione inglese: “Capracotta for all”. Cioè: Capracotta per tutti. E ha ragione: nelle ultime ore è stata inaugurata la villa comunale accessibile, con i giochi per i più piccoli che sono stati ripensati in modo da evitare discriminazioni verso i bambini che si trovino ad avere una disabilità. Un modo in più, insomma, per promuovere concretamente l’abbattimento delle barriere architettoniche, che rappresenta una necessità che riguarda la maggioranza dei cittadini.

In realtà, nell’immaginario collettivo, l’abbattimento delle barriere architettoniche è legato a una precisa categoria umana: chi è in carrozzina. Ebbene, questo ragionamento è insensato poiché le barriere architettoniche sono un vero e proprio dramma sociale dato che, prima o poi, possono riguardare tutti. Ovviamente ciò non vuol dire che l’attenzione verso la disabilità si debba limitare esclusivamente a questo, perché la disabilità è una condizione umana che può sì insorgere in un colpo solo, ma anche manifestarsi un po’ alla volta. Tuttavia è un buon punto di partenza, anche perché – nel caso della villa comunale di Capracotta – lancia ai bambini un messaggio ben preciso, e assolutamente positivo. Senza alcuna discriminazione ma, anzi, all’insegna dell’inclusività.