Al via i Corsi UEFA C per giovani allenatori in Molise

175

lezione

RIPALIMOSANI – Presso la sede del Comitato Regionale della FIGC Molise è partito nei giorni scorsi il Corso per Abilitazione ad Allenatore di Giovani Calciatori UEFA Grassroots C Licence organizzato dal Settore Giovanile e Scolastico della Figc Molise presieduto dal Coordinatore Federale Regionale dott. Gianfranco Piano. Il corso, della durata di sette settimane e che terminerà il 18 aprile 2020, ha come obiettivo principale quello di rilasciare l’abilitazione ad allenare tutte le categorie del Settore Giovanile in società sportive professionistiche e dilettantistiche, compresa la categoria Juniores ed escluse le squadre partecipanti ai campionati “Berretti e Primavera”.

I ventinove partecipanti ammessi saranno impegnati in una vera e propria “full immersion” nel mondo del pallone con 126 ore di aula nelle quali saranno affrontate e approfondite materie come Tecnica e Tattica Calcistica (compreso il Calcio a 5), Tecnica del Portiere, Calcio Femminile, Teorie e Metodologie dell’allenamento, Psicopedagogia, Medicina dello sport, Regolamento di gioco, Regolamento del Settore Tecnico,Codice di Giustizia Sportiva, NOIF e Organizzazione FIGC, Com. Uff. n.1 del SGS e il Progetto Integrato Scuola, Sport e Territorio.

Inoltre, al di fuori dell’orario di lezione, è prevista una tavola rotonda, delle visite di studio presso settori giovanili professionistici e dilettantistici, l’arbitraggio di tre gare delle categorie Pulcini ed Esordienti e l’esame di pratica calcistica.

Tante le figure di spicco del panorama calcistico nazionale che, coordinati dal Responsabile dell’Attività di Base del SGS Molise e delegato al Corso Roberto Barrea, interverranno come docenti: Massimo Cacciatori, Fausto Cannavacciuolo, Isabella Cardone, Nicola Bianco, Stefano Cordeschi, Barbara Rossi e Ivan Zauli. E’ stato proprio quest’ultimo a dare il via alle lezioni: «Devo ringraziare la Federazione Gioco Calcio, in particolare il direttore della Scuola Allenatori Renzo Ulivieri, per avermi permesso di diventare un docente nazionale per i corsi di Uefa C. É la prima volta che vengo in Molise. Sono rimasto favorevolmente colpito da questa struttura all’avanguardia, una piccola bomboniera, con la Sala Convegni che ospiterà il corso che raramente ho trovato in regioni maggiormente riconosciute a livello calcistico e con numeri più grandi rispetto al Molise. Ho trovato in Roberto Barrea che conosco da tempo, una persona competente, seria e onesta che stimo particolarmente che con tutto lo staff della FIGC mi sta permettendo di concentrarmi esclusivamente sulle lezioni. Spero di riuscire a trasmettere ai futuri allenatori le competenze per poter lavorare al meglio con i ragazzi. Il calcio è cambiato, sono cambiati i ragazzi, sono cambiate le società con una logica evoluzione dell’approccio metodologico all’allenamento dei ragazzi. Voglio insegnare ai ragazzi sia l’importanza della parte tecnica, che è un po’ il mio mantra, la specificità che mi ha posizionato come docente in Italia ma soprattutto come trasferire le competenze tecniche nel gioco anche quello di strada».