Emigranti nati a Limosano nel 1949 di ritorno a casa

Sono tornati a festeggiare i 70 anni al proprio paese: Joe, Rinaldo, Giuseppe, Gino, Giuseppe, Agnese, Jodie, Carmelina, Giulie, Margherita, Giuseppina, Maria Teresa, Pasqualina, Maria, Ada, Angelo, Maria Assunta e Emidio

L'Associazione Sociale e Culturale “Giuseppe Tedeschi” OnlusLIMOSANO – Al termine della funzione religiosa in programma del 12 agosto a Limosano il Parroco Don Aloys Mawali giunto da due anni in Paese leggerà questo messaggio di saluto del Vescovo di Campobasso: “É di gioia infinita per noi accogliervi oggi nel vostro Paese natale Limosano. I vostri occhi saranno pieni di stupore e i vostri cuori ricchi di ricordi. Siate i benvenuti. Grazie del legame di benedizione che custodite gelosamente nel cuore per il borgo che vi ha vistro crescere e nascere. Trasmettete questi valori ai vostri nipoti perchè la grazia del Signore si trasmetta di generazione in generazione come ci ha insegnato la Madonna. Grazie a Don Aloys per la celebrazione. Vi chiediamo la preghiera perchè i legami tra le varie Terre del Mondo sia sempre un ponte di pace e di solidarietà. Padre Giancarlo Maria Bregantini vostro Vescovo”.

Questo quanto riferisce l’Associazione Tedeschi nella nota: “La nostra Associazione intervenuta a Limosano in un recente evento culturale avente per tema la povertà e la miseria in cui versava gran parte del Sud e del Molise da fine Ottocento fino agli anni Sessanta del Novecento, si unisce al benvenuto dell’intera comunità abbracciando virtualmente tutti e 97 nati del 1949 che compiono 70 anni in questo 2019 che ha visto nascere finora solo 3 bambini. E’ molto bello che un nucleo di emigranti residenti a Toronto e nell’Ontario in Canada abbiano deciso di regalarsi questa Festa tra i vicoli di un Borgo che si appresta a celebrare San Ludovico. Seguiremo i loro sorrisi e la loro gioia con discrezione e gli auguriamo una buona permanenza in Molise”.