Frattura: “L’Istat certifica la crescita dell’economia del Molise”

60
Paolo Di Laura Frattura
Paolo Di Laura Frattura

CAMPOBASSO – “Segnali di ripresa certi per l’economia del Molise: ancora una volta li rileva, registra e autentica l’Istat”. Così il presidente della Regione, Paolo Di Laura Frattura, commenta i dati diffusi dall’Istituto di statistica relativi al 2016. “Abbiamo dati che ci portano in vetta alla classifica nazionale, in particolare per quanto riguarda la forbice dell’incremento dell’occupazione. Molto importante è anche il Pil per abitanti, soprattutto nel confronto con le altre regioni del Mezzogiorno”.

In Molise il prodotto interno lordo per abitante si avvicina ai 20mila euro (19,7), la media del Mezzogiorno si attesta a quota 18mila. Quanto alla variazione di Pil rilevata dall’Istat nel 2016 rispetto al 2015, tra le realtà meridionali spicca la performance positiva del Molise con un secondo posto (+2,8%).

“Dati che evidentemente seguono – spiega il governatore – il trend positivo dell’occupazione. È nel nostro Molise che si registra il maggiore incremento d’Italia, +4,4%, in un anno”.

“A livello nazionale la media è dell’1,3% – prosegue Frattura – Siamo i primi per variazione di crescita con un netto avvicinamento agli standard passati”. Per Frattura, “la nuova indagine Istat, in linea con le precedenti dell’Istituto e con quelle prodotte da altri autorevoli Osservatori, mette in luce e dà forza al cambio di marcia da tempo avviato, frutto delle politiche nazionali e regionali mirate a rilanciare la nostra economia a cominciare dall’incremento dei livelli occupazionali. È la risposta che dovevamo ai tantissimi sacrifici chiesti ai nostri cittadini”.

“La nostra realtà si rafforza con il segno più: senza cedere a facili trionfalismi, ne siamo soddisfatti. È il motivo principale per il quale cinque anni fa abbiamo chiesto e ottenuto la fiducia dei molisani, a dispetto delle solite voci locali che – conclude – incuranti dell’autorevolezza dei Centri Studi che riportano tali dati, sono già pronte ad arrampicarsi sugli specchi”.