Funerali di Gino Di Bartolomeo, il messaggio di Gravina

29

funerali gino di bartolomeo

CAMPOBASSO – Questo il messaggio del sindaco di Campobasso letto in occasione dei funerali dell’ex sindaco Gino Di Bartolomeo.

“Risulta difficile porgere i saluti a una platea commossa per la dipartita di un uomo che ha indossato, con orgoglio, la stessa fascia che oggi mi onoro di indossare io per salutare un Sindaco… già, un primo cittadino di nome e di fatto. Quell’orgoglio, Luigi di Bartolomeo, per tutti Gino, lo ha sempre mostrato, sin da quando, apertamente, anche contro alcuni, dichiarò a gran voce di voler diventare sindaco della sua amata Campobasso. Perché il politico, Gino, lo aveva già fatto a 360 gradi, salendo ai vertici di tutte le istituzioni locali, arrivando anche a Roma, dove non nascondeva il suo disagio per essere un semplice numero, distaccato dalla gente, dalla sua gente.

È così che Gino diventa big Gino, capace di una comunicatività tutta sua, capace di passare da argomenti leggeri, con una ilarità travolgente, a momenti estremamente seri, con un piglio e una capacità di analisi concreta frutto di anni e anni di esperienza amministrativa, a momenti riflessivi e interiori, con una sensibilità che non ti aspettavi.

Ed è qui che il politico non c’entrava nulla, è qui che veniva fuori il personaggio, perché Gino di Bartolomeo, oggi, viene celebrato prima ancora che come politico, come un personaggio di questa città.

Il lutto cittadino, infatti, raccoglie il sentimento che la comunità ha manifestato per la perdita di una figura che ha rappresentato la campobassanità radicata nella nostra collettività cittadina e lo testimoniano le innumerevoli manifestazioni di affetto che la sua dipartita ha provocato. Una campobassanità capace di essere comunicata in modo trasversale: dai più piccoli, ai ragazzi e agli adulti, ognuno è stato raggiunto e toccato dalle sue parole dirette, coraggiose e leali che mettevano al primo posto, dinanzi a ogni discussione anche forte, i rapporti sociali e umani.

È stato sindaco in un periodo in cui i social iniziavano a prendere piede e, suo malgrado, nonostante non fosse avvezzo, era presente con immagini o video che lo hanno ritratto sempre come un personaggio schietto, sincero e vero.

Ed è con quella sincerità che ti porgo a nome di tutta la città, della tua e nostra Campobasso, l’affetto che meriti. Ciao big Gino, che la terra ti sia lieve”.