Giovani che fanno impresa nel proprio territorio: la storia di Fiorenza Lacerenza

320

TERMOLI – La termolese Fiorenza Lacerenza è un esempio di come si possa fare impresa puntando sul proprio territorio. E, considerando la sua giovane età (28 anni), c’è da rallegrarsi guardando con fiducia al domani, in quanto si ha la dimostrazione concreta della volontà di alcuni ragazzi di non lasciare il Molise per cercare fortuna altrove, ma al contrario provare a costruirsi qui il futuro. Restando a casa.

Fiorenza, in tal senso, ci crede eccome: “Ho sempre avuto un grande amore per il mondo dell’estetica, essendoci cresciuta dentro dal momento che mia madre ha lavorato per 30 anni in una profumeria – racconta a MoliseNews24 – Con il passare degli anni ho lasciato però poco spazio alla mia passione e mi sono cimentata in due diverse università, per poi finire a lavorare in un bar dove sono rimasta per 6 anni. Quest’anno, tuttavia, forse anche grazie al Covid, che mi ha dato molto tempo libero e di conseguenza molto tempo per pensare, mi sono resa conto che il lavoro che facevo mi piaceva, ma non mi sentivo realizzata del tutto”.

A quel punto, Fiorenza ha scelto di dare una svolta alla sua vita: “Ho deciso di frequentare dei corsi di estetica come microblading (tatuaggio sopracciglia), extension ciglia e quant’altro. Mi sono trovata molto bene: il corso è stato interessante e ho avuto un’insegnante precisa, chiara, che ha saputo ascoltarmi e mi ha guidata passo passo in tutto, sia nella teoria che nella pratica”.

Ma anche mentre lavorava al bar Fiorenza non ha rinunciato a specializzarsi: “Avevo solo un giorno libero a settimana e per 3 anni l’ho impiegato a Pescara, seguendo dei corsi di make up”. Adesso che Fiorenza ha deciso di intraprendere questo percorso nel mondo dell’estetica, quali sono i suoi progetti per il futuro? “Conto di aprire un locale tutto mio. Mi rendo conto che all’inizio non potrò avere tante pretese in termini di grandezza e spazio, ma la voglia di iniziare è troppo forte. Cercherò da subito un posto accogliente nella mia zona”.

Cosa significa, per Fiorenza, essere di Termoli? “Abito in centro, proprio sul corso. Sono molto legata alla mia città, ci sono cresciuta e tutti i miei parenti e amici sono qui. Sono pronta per cominciare questa nuova avventura”. E noi le facciamo un grosso in bocca al lupo, ricordando che la giovane imprenditoria parte anche da questi esempi.