Caos strisce blu, Bruno (CasaPound): “I fatti dimostrano la giustezza della nostra battaglia per la revoca del contratto”

51

ISERNIA – “Davanti all’esito scontato per una vicenda, quella della concessione delle strisce blu, fin dall’inizio pasticciata e dai contorni oscuri, la prima cosa che viene da dire è: ve l’avevamo detto”. Questo l’ironico commento di Francesca Bruno (foto) rispetto all’ingarbugliata vicenda della concessione della gestione degli stalli a pagamento cittadini alla società AJ Mobilità, oggetto di un animato dibattito durante il consiglio comunale dello scorso venerdì.

“Fin dall’inizio, a fronte dei costi altissimi per il servizio richiesti ai cittadini, i termini della concessione erano poco chiari, dal numero effettivo degli stalli a pagamento, fino agli introiti per il Comune. Ora scopriamo che il canone semestrale non sarebbe stato versato, e che addirittura l’amministrazione prospetta la revoca della concessione. Peccato che quando fummo noi a proporla con una mozione supportata da centinaia di firme raccolte tra i cittadini, questa fu bocciata, ed anzi non fu nemmeno possibile discuterla: forse se qualcuno avesse fatto prevalere il buon senso alle logiche di maggioranza, questa situazione avrebbe trovato una soluzione già un anno fa”.