Isernia, concerto di beneficenza con Fabio Concato

ISERNIA – Tutto pronto per il concerto di beneficenza, organizzato dalla Croce Rossa di Isernia, che vedrà protagonista Fabio Concato e che si terrà domenica 31 marzo, con inizio alle ore 21:30, nell’auditorium Unità d’Italia. L’evento è stato presentato oggi in conferenza stampa alla presenza del sindaco di Isernia, Giacomo d’Apollonio, e del presidente del comitato locale della Croce Rossa, Fabio Rea.

Partito alla fine degli anni ’70 con una formula musicale fortemente influenzata dal suo grande amore per il cabaret, Concato ha saputo ritagliarsi, nel corso del tempo, uno spazio importante, raccontando in modo molto personale le piccole grandi storie della quotidianità. Nostalgia, ricordi, speranze, confessioni appena accennate, sprazzi di allegria contagiosa popolano il mondo delle sue canzoni, simili a un libro di illustrazioni che ha sempre saputo fare breccia sin da subito nell’immaginario del pubblico.

La vicenda artistica di Fabio Concato inizia nel 1977, quando viene pubblicato il suo primo album, “Storie di sempre”: in quel disco è contenuta “A Dean Martin”, scherzosa presa in giro del cantante americano che si fa apprezzare per la sua vena ironica e originale.

Nel 1982 esce “Fabio Concato”: un successo, grazie al brano “Una domenica bestiale”. È l’inizio di una fase artistica molto fortunata, che prosegue con “Fabio Concato” (1984), album che conquista il doppio disco di platino (200mila copie) e rende popolari canzoni come “Guido piano”, “Rosalina” e “Fiore di maggio”, e “Senza avvisare” (1986), disco d’oro già in prenotazione.

Nel 1988 Concato pubblica un singolo, “051/222525”, i cui proventi sono destinati a mantenere in vita il servizio del Telefono Azzurro, allora minacciato di chiusura. Nel 1992 arriva “In viaggio”, che contiene anche un brano scritto con Pino Daniele, “Canzone di Laura”. Nel 1994, preceduta dall’uscita del singolo “Troppo vento”, ecco la raccolta “Scomporre e ricomporre”, in cui l’artista rilegge i suoi maggiori hits.

Nel 1996 esce “Blu”, cd prodotto dal tastierista della PFM Flavio Premoli. Nel 1999 è la volta di “Fabio Concato”, un nuovo album di inediti impreziosito dalla presenza di un duetto con Josè Feliciano in “M’innamoro davvero”. Nel 2001 viene pubblicato “Ballando con Chet Baker”, la cui uscita è preceduta dalla prima partecipazione di Fabio Concato al Festival di Sanremo, dove l’artista milanese presenta il brano “Ciao Ninìn”. Nel 2006 Fabio incontra il produttore Claudio Dentes, e insieme decidono di lavorare a un nuovo progetto artistico.

A questo punto Fabio manifesta anche la volontà di tornare ad occuparsi di Telefono Azzurro. Dopo un incontro con il Professor Caffo (presidente dell’associazione) nasce “Azzurro & Concato”, raccolta dei suoi brani di maggior successo riarrangiati in una nuova versione, il cui ricavato è devoluto al sostegno dei progetti di Telefono Azzurro. Nel 2007 Concato è tornato a Sanremo con “Oltre il giardino”.