Isernia e il Molise in lutto, è morto Ubaldo Grossi: scompare un altro protagonista dell’epopea Maiellina

122

ISERNIA – È scomparso ieri a Sulmona Ubaldo Grossi. Con lui si perde un altro testimone della guerra di Liberazione, un protagonista della lotta per riscatto italiano dal nazi-fascismo, che aveva vissuto appieno l’epopea maiellina, passando da Roma all’Abruzzo, dalle Marche alla Romagna, fino alla riconquista della Libertà simboleggiata dalla vittoriosa presa di Bologna il 21 aprile 1945. Nato a Isernia, Ubaldo Grossi avrebbe compiuto 98 anni il 21 febbraio prossimo.

Era stato un soldato nel Regio esercito, reduce dagli scontri per la difesa della Capitale a Porta San Paolo. Dopo quell’ultimo disperato tentativo, con un viaggio difficile, affrontato interamente a piedi, era rientrato a Sulmona. Vivendo alla macchia nel corso dell’autunno e dell’inverno del 1944, aveva aderito alle bande di ribelli operanti nella valle del Sagittario. Fu perciò tra i primissimi, all’arrivo della Banda della Maiella a Sulmona, ad arruolarsi per continuare a combattere contro i nazi-fascisti.

Raggiunto il Gruppo a Recanati, entrò nella Compagnia pesante, dove seppe distinguersi per il fare onesto, disciplinato e coraggioso. Carrista, moltiplicò gli sforzi per la movimentazione del materiale bellico, rimanendo coinvolto in un incidente che lo vide rovesciarsi con il proprio mezzo cingolato in una scarpata. Nel Gruppo acquisì il grado di Sergente Maggiore. Al termine della guerra avrebbe proseguito per un breve tempo la carriera militare prestando servizio nella brigata carristi della 228° Divisione Fanteria.

Nel dopoguerra, a conferma di un animo nobile, avulso alla violenza, seppe reinventarsi come floricoltore. I funerali si terranno domani nella Cattedrale di San Panfilo a Sulmona alle ore 15. Il Presidente della Fondazione Brigata Maiella, Nicola Mattoscio, congiuntamente a tutti gli organi della Fondazione e i rappresentanti dell’Associazione degli ex Combattenti di Sulmona, che negli anni di vita civile gli sono sempre rimasti affianco, esprimono ai familiari il più sentito cordoglio per la sua scomparsa.

“La scomparsa di Ubaldo Grossi, uno dei partigiani che più hanno simboleggiato con il coraggio, la passione e l’impegno civile le gesta della Brigata Maiella, tocca da vicino tutti i molisani e gli abruzzesi”: lo dichiarano Vittorino Facciolla e Michele Fina, segretari del Partito Democratico rispettivamente molisano e abruzzese. Fina e Facciolla sottolineano che “la Brigata Maiella è stato un pilastro della Liberazione, una formazione che ha anticipato e costituito un riferimento per quelle che successivamente, nel Nord Italia, hanno in numero sempre maggiore fatto la Resistenza, e quindi aperto la strada alla nascita della nostra Repubblica. A nome del Partito Democratico esprimiamo la vicinanza ai familiari di Ubaldo Grossi e rivolgiamo l’invito alla comunità e alle istituzioni di mantenerne vivo il ricordo e l’esempio, suo e dei suoi compagni. Di coloro che, armati di coraggio e speranza, seppero, mettendo a rischia la propria vita, costruire il sentiero verso la libertà e la democrazia”.