Isernia, incontro tra Calenda e Massaro: ecco i temi trattati

19

incontro calenda massaro

Si è parlato di aiuti ai disabili, di supporto al volontariato e di progetti comuni. L’esponente del Governo regionale del Molise ha visitato la sede di Isernia del Centro di servizio

ISERNIA – Un impegno comune per garantire aiuti maggiori alle persone in difficoltà, molte di più da quando è scoppiata l’emergenza Covid-19, e anche per assicurare sostegno alle migliaia di volontari operativi sul territorio. Questo l’intendimento emerso al termine dell’incontro tenutosi ieri pomeriggio a Isernia tra l’assessora alle Politiche Sociali Filomena Calenda e il presidente del CSV Molise Gian Franco Massaro.

L’esponente del Governo regionale ha visitato la sede del Centro di servizio per il volontariato di via Patriarca, mostrando grande attenzione alle tematiche che sono al centro dell’opera del CSV e su cui si fonda il mondo del non profit.

«Innanzitutto ringrazio il Centro di servizio per il lavoro che svolge quotidianamente – ha affermato Calenda –. La mia è stata una visita istituzionale e venni qui già in occasione dell’inaugurazione. Il mio obiettivo è quello di raggiungere finalità importanti, quindi di dare spazio all’associazionismo e a tutte le persone che hanno fragilità. Il luogo che ‘raccoglie’ tutte queste persone è il CSV».

Il ritorno nell’ufficio di Isernia dell’assessora Calenda ha rappresentato l’occasione per accendere un focus sulle problematiche dell’ambito sociale, sui disagi vissuti dai disabili, sugli imminenti passi in avanti che verranno compiuti nel solco della Riforma del Terzo Settore, come l’istituzione del RUNTS (Registro unico nazionale del Terzo Settore), ma anche per riprendere il discorso già avviato in passato con la Regione relativo alla promozione di iniziative unitarie, che riconoscano l’importanza del ruolo ricoperto dai volontari. All’incontro hanno partecipato anche la direttrice del CSV Molise Lorena Minotti e la psicologa Fabiola Petrarca.

«Credo che insieme alle istituzioni, quindi insieme all’assessore alle Politiche sociali, e, perché no, anche a coloro che vorranno supportarci in questo percorso il CSV debba organizzare una serie di impegni e di eventi che vedremo di finalizzare sul territorio – ha concluso Calenda -. Io sono entrata nell’assessorato da circa due mesi, quindi attenzionerò quelle che sono le problematiche emerse in questo momento di pandemia. Dobbiamo capire chi sono le persone che hanno maggiore necessità di attenzione e di supporto e sono convinta che insieme al CSV andremo lontano».