Isernia, M5S su presunte richieste di risarcimento per danni erariali

45

M5S logoIl Movimento 5 Stelle chiede la verità relativa alle notizie che circolano su irregolarità nella gestione amministrativa degli ultimi anni

ISERNIA – Il Movimento 5 Stelle di Isernia rende noto che da diverse settimane circolano notizie, non confermate, su richieste di risarcimento per danni erariali notificate dalla Procura della Corte dei Conti ad ex amministratori comunali. I danni si riferirebbero a gravi irregolarità riscontrate nella gestione amministrativa degli ultimi anni. Il Movimento 5 Stelle denuncia altresì che sul sito internet del Comune non c’è alcuna notizia su tale argomento né nella sezione “Bilanci” e tantomeno nella sezione “Controlli e rilievi sull’amministrazione.

Prosegue il comunicato dei pentastellati:

“Rispetto a tali notizie, proprio perché non confermate, il MoVimento 5 Stelle Isernia ritiene necessaria una dirompente azione di trasparenza e di corretta informazione da parte degli organi preposti: ovvero confermare se tale richiesta di risarcimento per danni erariali è stata notificata ai componenti di passate amministrazioni, oppure smentire categoricamente le “notizie infondate” derubricandole a “chiacchiere e pettegolezzi…”.

É fondamentale chiarire agli elettori che si recheranno alle urne il prossimo 5 giugno, se precedenti amministratori hanno causato, secondo la Procura della Corte dei Conti, tali danni all’Amministrazione Comunale: ciò affinché i Cittadini siano informati e consapevoli sulla qualità del mandato svolto da chi eventualmente richiede ancora oggi il loro voto ed il loro consenso elettorale.

Ma a chi fosse di memoria corta giova ricordare che la situazione dei bilanci comunali appare quella riepilogata nella Relazione di fine mandato redatta dall’ex sindaco Luigi Brasiello, nella quale si evidenzia che la Corte dei Conti ha segnalato gravi irregolarità contabili riferite all’anno 2011 e tali squilibri della gestione presupporrebbero violazioni delle norme contabili sull’assunzione degli impegni di spesa. Si rammenta che la stessa Corte dei Conti ha ritenuto alcuni atteggiamenti censurabili e meritevoli di approfondimenti, ai fini dell’accertamento di eventuali danni erariali con comunicazione della deliberazione alla locale Procura della Corte dei Conti (rif. citata Relazione di fine mandato).

Si aggiunga, a questa allucinante gestione amministrativa, che il Comune di Isernia è stato oggetto anche nell’anno 2015, da parte della stessa Corte dei Conti, di rilievi per gli anni 2012 e 2013. Dunque, a prescindere dall’esito dei procedimenti avviati dalla Corte dei Conti, o anche da eventuali ispezioni Ministeriali su altri aspetti anomali della gestione amministrativa del Comune di Isernia, resta indiscutibile una negligente azione sul piano amministrativo, e politico in generale, che attiene a tutte le precedenti Giunte degli ultimi anni.

Ci auguriamo che la sollecitata azione di trasparenza trovi immediato riscontro nelle sedi competenti.

I Cittadini onesti attendono……. ormai sfiduciati”.