Isernia, primo dell’anno all’insegna della prevenzione

foto sequestro bottiCarabinieri in azione, scattano controlli, denunce e sequestri

ISERNIA – I Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia, anche a Capodanno sono scesi in campo per garantire sicurezza e tranquillità ai cittadini e ai vacanzieri che hanno trascorso questo periodo di feste nel territorio “Pentro”. L’obiettivo principale dei militari è stata la prevenzione, in particolare al fine di arginare gli effetti talvolta mortali, provocati ogni anno dall’utilizzo sconsiderato di botti di genere vietato, ordigni più simili a vere e proprie bombe che a giochi pirici.

Ma questo capodanno, da un lato per una maggiore presa di coscienza e per un accresciuto senso di responsabilità da parte dei cittadini, dall’altro sicuramente per l’eccellente opera di prevenzione svolta dai Carabinieri e dalle altre Forze dell’Ordine nel capoluogo “Pentro”, sarà ricordato come un fine ed inizio anno davvero esemplare. Nessun incidente e nessun ferito, grazie anche all’opera dell’Arma, ed è questo il risultato più soddisfacente. Solo qualche giorno fa, proprio ad Isernia, i Carabinieri del Nucleo Investigativo avevano proceduto ad un maxi sequestro di botti, oltre mezzo quintale di fuochi pirotecnici.

Un segnale importante e sicuramente deterrente per coloro che fossero stati intenzionati all’acquisto e all’utilizzo di questi pericolosi materiali esplodenti. Intanto nel corso della notte due isernini sono stati denunciati in stato di libertà, sono i primi del 2016. Si tratta di un 30enne sorpreso alla guida della sua auto completamente ubriaco, per lui è scattata una denuncia per guida in stato di ebbrezza alcoolica, il ritiro della patente di guida ed il sequestro del veicolo. Un 20enne è finito invece nei guai perché nel veicolo sul quale era alla guida, sono stati rinvenuti occultati nel vano porta oggetti, alcuni involucri contenenti sostanze stupefacenti del tipo “hashish”. La droga è finita sotto sequestro, mentre continuano le indagini per accertare se le dosi erano per uso personale o se destinate all’attività di spaccio.