Isernia, sequestrato oltre un quintale e mezzo di botti illegali

75

botti-killer-sequestrati-a-iserniaISERNIA – I Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia, anche a Capodanno sono scesi in campo per garantire sicurezza e tranquillità ai cittadini e ai vacanzieri che hanno trascorso questo periodo di feste nel territorio “pentro”.

L’obiettivo principale dei militari è stata la prevenzione, in particolare al fine di arginare gli effetti talvolta mortali, provocati ogni anno dall’utilizzo sconsiderato di botti di genere vietato, ordigni più simili a vere e proprie bombe che a giochi pirici.

Ma questo capodanno, da un lato per una maggiore presa di coscienza e per un accresciuto senso di responsabilità da parte dei cittadini, dall’altro sicuramente per l’eccellente opera di prevenzione svolta dai Carabinieri e dalle altre Forze dell’Ordine, sarà ricordato come un fine ed inizio anno davvero esemplare.

Nessun incidente e nessun ferito, grazie anche all’opera dell’Arma, ed è questo il risultato più soddisfacente. Anche nelle ore immediatamente precedenti alla mezzanotte di Capodanno i Carabinieri hanno sottoposto a sequestro ancora ulteriori cinquanta chilogrammi di materiale esplodente, presso il deposito di una attività commerciale ubicata in località San Lazzaro di Isernia, e denunciato il titolare, portando così ad oltre un quintale e mezzo il quantitativo di fuochi pirotecnici tolti negli ultimi giorni dal mercato illegale in tutta la provincia.

Un segnale importante e sicuramente deterrente per coloro che fossero stati intenzionati all’acquisto e all’utilizzo di questi pericolosi materiali.