La Chitarra – Festival Internazionale dell’Adriatico, brilla la molisana Sara Celardo

405

La Chitarra - Festival Internazionale dell’AdriaticoPESCARA – Si è conclusa la 21a edizione de La Chitarra – Festival Internazionale dell’Adriatico, confermandosi iniziativa di alto valore culturale e divulgativo. Centinaia di spettatori sono arrivate a Pescara per assistere agli appuntamenti musicali tenuti da chitarristi appartenenti alle più prestigiose scuole di chitarra del nostro tempo e alle numerose iniziative collaterali.

Il programma dei concerti ha incluso sia la tradizione classica che i linguaggi sperimentali e innovativi e non sono mancati solisti e formazioni dal sound jazzistico e pieno di contaminazioni etniche. Tra gli ospiti della rassegna, tutti nomi importanti e legati al mondo affascinante e variegato della storia della chitarra, ci sono stati alcuni noti solisti italiani come Christian Lavernier, Massimo Agostinelli, Andrea Candeli, Vincenzo Raglione, Luciano Pompilio.

Di grande prestigio è stata la presenza della coppia di chitarristi tedeschi Michael Koschorreck e Augustin Wiedemann, dello spagnolo Ruben Parejo e del quartetto portoghese composto da Eudoro Grade, João Venda, Rui Mourinho e Rui Martins.

Al chitarrista australiano Tommy Emmanuel, ritenuto unanimemente il massimo esponente della chitarra acustica a livello mondiale, e all’americano Andy Mckee, tra i migliori chitarristi acustici, è stata riservata la serata inaugurale del Festival. I due straordinari musicisti si sono esibiti in una sala gremita ipnotizzando il pubblico arrivato anche da fuori regione con le loro straordinarie e intense esecuzioni.

A fare da fare da cornice ai concerti vi stato il 6° Concorso Internazionale dell’Adriatico, che ha registrato l’iscrizione di numerosi solisti e ensemble provenienti, oltre che da diverse regioni italiane, da diversi paesi europei e dall’America latina.

Domenica 30 ottobre è avvenuta la Premiazione del Concorso che ha eletto vincitrice della categoria solisti senza limiti di età la chitarrista molisana Sara Celardo. Secondo posto ex equo per il giapponese Hiroki Fukui e Pasquale Vitale di Cava de’ Tirreni (Salerno) e terzo posto per Emanuele Barillaro di Reggio Calabria. Per la categoria relativa ai gruppi primo posto assegnato al duo composto da Chiara Festa di Toscolano M. (Brescia) e Gabriele Lanini di Pontedera (Pisa). Diversi sono stati i premiati nelle categorie riservate ai più giovani, che, accompagnati dai loro familiari, si sono distinti per l’ottima preparazione e il grande spirito di partecipazione.

Un’edizione certamente di successo che testimonia la notorietà e il prestigio di cui oramai il Festival gode a livello planetario, arricchito dalla presenza permanente della Mostra di Liuteria con l’intervento di importanti costruttori di chitarre e dalle Masterclasses tenute dagli stessi concertisti.