Lombardi: “No alla Superlega, no al calcio moderno”

42

ROCCAMANDOLFI – Il sindaco di Roccamandolfi, Giacomo Lombardi, noto tifoso del Campobasso, dice la sua sulla SuperLeague appena annunciata da 12 importanti club europei, tra cui gli italiani Milan, Inter e Juventus.

Queste le parole di Lombardi: “No alla Superlega, no al calcio moderno. Che nel calcio moderno, ormai da anni, il giro d’affari abbia abbondantemente superato la passione e il senso di appartenenza lo si era capito da un pezzo. Ma il calcio è lo sport più seguito al mondo proprio perché è di tutti. Vi posso garantire, con largo anticipo, che molti di noi non guarderanno mai una partita della Superlega anche solo per un motivo: questa competizione non ha nessuna caratteristica del calcio con cui siamo cresciuti e di cui ci siamo innamorati da bambini. Ovvero il calcio delle sane rivalità, il calcio della vittoria e della meritocrazia sul campo, il calcio delle trasferte e dei treni speciali… insomma, quel calcio sano e genuino dei tifosi e della più viva passione popolare. E per cortesia non scriveteci: questo è il progresso, questo è il calcio del futuro. Quello che ci viene proposto semplicemente non è calcio. Non bastano dei campioni che si sfidano in campo e un pallone che rotola a far sognare una città o una intera nazione. Il calcio deve permettere a tutti di sognare ed oggi questo purtroppo non avviene più!”.