Piano del traffico di Isernia, il presidente del Csv Molise Massaro favorevole alla rimodulazione delle soste blu

53
Gian Franco Massaro

ISERNIA – Soste blu, disagi e modifiche sono alcuni dei temi al centro dell’incontro organizzato dall’amministrazione comunale di Isernia giovedì 20 luglio nell’aula consiliare di Palazzo San Francesco, appuntamento cui prenderà parte il CSV Molise. La discussione ha riguardato la variante al Piano urbano del traffico e, in particolare, i parcheggi a pagamento. L’amministrazione ha ritenuto di dover fare ricorso anche alle proposte del Centro di servizio per il volontariato. L’occasione è stata utile anche per rappresentare le istanze dei numerosi utenti della sede isernina, che spesso trovano difficoltà nell’accedere all’ufficio, proprio a causa dell’assenza di stalli disponibili, sia bianchi sia blu.

«È quanto mai urgente – le parole del presidente Gian Franco Massaro – apportare delle modifiche al piano del traffico, con particolare riferimento al sistema delle soste a pagamento, ed è necessario avere una nuova visione del diritto alla mobilità anche in virtù delle criticità che tutta la popolazione locale sta scontando, inflazione e spopolamento su tutte. L’aumento del costo della sosta e l’incremento degli stalli blu hanno determinato notevoli difficoltà per i numerosi volontari che, quotidianamente, frequentano la sede di Isernia del CSV e, più in generale, avvertiamo delle conseguenze sul piano sociale».

Il presidente Massaro ha fatto altresì presente che le tante soste blu presenti a Isernia (che in alcune zone, come quella di via XXIV maggio, non sono sostenute da altrettanti parcheggi liberi) non hanno migliorato il flusso di traffico, bensì hanno peggiorato la mobilità delle persone più fragili, di malati, anziani e disagiati.

Nell’incontro di giovedì sono state esposte alcune idee con l’obiettivo di fornire spunti «che possano essere utili all’amministrazione comunale – ha concluso il presidente Massaro – Ci aspettiamo un provvedimento che tenga conto delle esigenze degli utenti, un atto che consenta a tutti anche la maggiore fruibilità possibile di servizi importanti».