Sanificazione dei plessi scolastici al Majorana-Fascitelli: ecco come

464

sanificatore

Stop a virus e agenti patogeni al liceo isernino. La dirigente scolastica Carmelina Di Nezza: «L’impegno che noi operatori della scuola ci siamo assunti è conciliare la cultura della sicurezza»

ISERNIA – Una tecnologia innovativa, con il plasma freddo che uccide il 99,9% di virus e agenti patogeni. Così l’Isis «Majorana-Fascitelli» di Isernia ha deciso di puntare sulla sanificazione dei plessi scolastici dei licei classico e scientifico, e lo ha fatto scegliendo Jonix, azienda di Padova che dal 2013 unisce ricerca e innovazione per creare le migliori soluzioni per la pulizia dell’aria negli ambienti chiusi. Dal 14 settembre, per la riapertura dell’anno scolastico, gli studenti del «Majorana-Fascitelli» hanno trovato un dispositivo Jonix in tutte le 43 aule, nei corridoi e nelle palestre.

L’istituto scolastico ha deciso di investire così buona parte dei fondi ricevuti dal Ministero dell’Istruzione, attraverso il decreto Rilancio: un importo significativo destinato alla ripartenza in sicurezza. Come poi è avvenuto, i circa 900 studenti che hanno potuto ricominciare le lezioni in presenza così come stabilito dal calendario scolastico.

«Ripartire con un occhio alla sicurezza, adesso come non mai nostra imprescindibile responsabilità, e uno allo spirito di collaborazione che deve coinvolgere l’intera comunità scolastica: questo è lo scopo che ci siamo prefissati, fin dall’inizio della pandemia – ha affermato la Dirigente Carmelina Di Nezza –. Favorire l’acquisizione di senso di responsabilità da parte di tutti, educare a comportamenti corretti, vivere la scuola in sicurezza, senza dimenticare il senso di appartenenza che ci ha sempre fatto sentire forti e ottimisti, anche in questo difficilissimo momento storico».

«Nell’aria circola naturalmente una grande quantità di agenti microbici, non sempre del tutto innocui – spiega Mina Bustreo, direttrice commerciale e marketing di Jonix –. E mai come ora è essenziale impedire il loro accumularsi negli ambienti chiusi, per evitare di mettere la basi a condizioni di rischio infettivo. Siamo felici di poter contribuire a migliorare l’aria che si respira in scuole, biblioteche, case di riposo e altri edifici pubblici: la pandemia Coronavirus ha fatto crescere in tutti quella che potremmo chiamare “cultura della sanificazione”, un ambito sul quale noi facciamo ricerca di alto livello da anni».

COME FUNZIONA IL PLASMA FREDDO

Non Thermal Plasma (NTP): è la moderna tecnologia, basata sul fenomeno della ionizzazione, utilizzata da Jonix. L’aria viene sanificata grazie all’utilizzo di plasma freddo in grado di distruggere il 99,9% di virus e agenti patogeni, come dimostra, fra gli altri, uno studio pubblicato nel 2019 da ricercatori dell’Università del Michigan.

L’NTP è un fenomeno fisico generato a temperatura ambiente, utilizza l’aria come miscela gassosa trasformandola in un gas ionizzato costituito da varie particelle caricate elettricamente: elettroni, ioni, atomi e molecole che scontrandosi tra loro producono specie ossidanti, la reattività delle particelle provoca poi fenomeni di ossidazione in grado di disaggregare i composti organici volatili, batteri, microorganismi, odori.

Jonix, azienda fondata nel 2013 da imprenditori veneti, emiliani e toscani, ha una struttura operativa in costante crescita basata su un modello organizzativo flessibile composto da figure operanti nei differenti settori della progettazione, dell’elettronica, dell’informatica, del design, del marketing e comunicazione. Punta a diventare, nei prossimi mesi, una società benefit, impegnandosi a rispettare determinati standard (performance, trasparenza e responsabilità) e operare in modo tale da ottimizzare l’impatto positivo verso dipendenti, territorio e ambiente. È corporate spin-off di HiRef SpA, altra realtà con sede a Tribano e fra i leader nei sistemi di raffreddamento per data center.