Sisma San Giuliano di Puglia: Ascani, “Il ricordo rimane indelebile”

22
foto tratta dal profilo Facebook ufficiale

CAMPOBASSO – “Sono trascorsi 18 anni, eppure il ricordo di ciò che è successo il 31 ottobre 2002 a San Giuliano di Puglia rimane indelebile: 27 bambini persero la vita, insieme alla loro maestra, per il crollo dell’edificio scolastico in cui si trovavano, a seguito di una forte scossa di terremoto. Il dolore per questa tragedia è immutato ancora oggi. Esprimo la mia vicinanza alle famiglie e alla comunità che io stessa ho voluto incontrare lo scorso anno in questa stessa data”. Così la Viceministra dell’Istruzione Anna Ascani.

“La scuola – aggiunge – è il luogo in cui attraverso la conoscenza vengono coltivati i talenti, le ambizioni, le speranze. In cui si costruisce il futuro. Deve essere sicura. L’edilizia scolastica è una nostra priorità e lo stiamo dimostrando concretamente: non è accettabile che uno studente non sia al sicuro in classe. Dobbiamo dare a ogni bambino e ragazzo la migliore formazione”.

E ancora: “In questo anno abbiamo fatto importanti passi in avanti per quanto riguarda l’edilizia scolastica – continua Ascani – abbiamo investito oltre 2 miliardi di euro e snellito procedure che consentono di trasformare rapidamente le risorse in cantieri e quindi di ottenere risultati a beneficio degli studenti. E tutto questo è stato possibile grazie alla collaborazione con tutti i soggetti coinvolti in questa partita. Continueremo a lavorare in sinergia, anche attraverso l’Osservatorio per l’Edilizia scolastica del Ministero, al quale l’Associazione Vittime della scuola di San Giuliano di Puglia ha partecipato, perché siamo convinti che l’azione debba essere condivisa. Non faremo mancare il nostro impegno”.