Somarando, nuovo progetto di onoterapia a Carpinone

93

tikane assiem onoterapia

In provincia di Isernia si svolgeranno attività tese all’inclusione sociale per soggetti fragili. L’iniziativa ha ottenuto il finanziamento della Regione Molise tramite il bando rivolto al Terzo Settore

CARPINONE – Tutto pronto per ‘Somarando’, il progetto dell’associazione isernina Tikanè Assiem approvato dalla Regione nell’ambito dell’Avviso pubblicato il primo ottobre 2020, scaduto il 16 novembre e rivolto alle organizzazioni del non profit. Il 30 dicembre l’ente ha reso nota la graduatoria delle iniziative ammesse a finanziamento e nell’elenco figura anche quella dell’organizzazione nata nel 2007, già da tempo impegnata sul territorio con attività di onoterapia.

Stare a contatto con gli asini rappresenta una pet-therapy molto efficace per persone costrette a convivere con una disabilità fisica, cognitiva o relazionale, che le rende particolarmente fragili.

La voglia di offrire questa possibilità a chi sente il bisogno di una maggiore autonomia è al centro di ‘Somarando’, progetto che prenderà il via nell’arco delle prossime settimane. In alcuni spazi individuati nel comune di Carpinone gli operatori dell’associazione, altamente qualificati nel settore e con un’acquisita esperienza nella gestione di progetti analoghi, guideranno i partecipanti al contatto con gli asini.

«L’obiettivo è migliorare la condizione di vita, promuovere la socialità delle persone fragili avvicinandole alla conoscenza e alla pratica di attività ludico-ricreative e terapeutico-riabilitative mediate dagli asini – spiegano il presidente Costantino Sarachella e i vertici di Tikanè Assiem -. L’onoterapia consiste in una tipologia particolare di percorsi che si realizza attraverso l’instaurazione di un rapporto tra individuo e asino. Alla base c’è la relazione uomo-animale che, come nel caso di altre pet-therapy, si fonda su un principio di uguaglianza: per l’animale non esistono pregiudizi e differenze, tutti gli uomini sono uguali, senza alcun tipo di discriminazione. La qualità più importante e riconosciuta dell’onoterapia rispetto ad altre terapie più tradizionali risiede nel ruolo attivo di colui che ne usufruisce, continuamente stimolato e motivato dall’interazione con l’asino. Quest’ultimo, per le sue caratteristiche particolari, rappresenta un protagonista disponibile, che si lascia accarezzare, stringere, toccare, ma pone anche dei limiti, chiedendo di essere rispettato, accudito e nutrito».

Equilibrio e coordinazione, ma anche accrescimento dell’autostima e stabilizzazione dell’umore sono solo alcuni degli effetti di un’attività in cui il beneficiario diventa soggetto attivo, prendendosi cura dell’animale.

Il CSV Molise promuove questo progetto e ha inteso patrocinarlo condividendone le alte finalità sociali. I volontari dell’associazione Tikanè Assiem sono disponibili a fornire ulteriori informazioni a chi fosse interessato a partecipare.