Termoli, terzo avviso buoni spesa: informazioni su come fare domanda

70

Comune Termoli

TERMOLI – Dal Comune di Termoli il terzo avviso per i buoni spesa. La domanda può essere presentata da oggi a partire dalle ore 18 mentre il termine di scadenza verrà stabilito attraverso un successivo atto amministrativo. Il modulo da compilare si trova all’interno del banner pubblicato sul sito www.comune.termoli.cb.it. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa prevede l’avviso.

SETTORE SETTIMO

Servizio Assistenza alla Persona

VISTI

– il decreto legge del 23 febbraio 2020, n. 6 convertito con modificazioni dalla legge 5 marzo 2020 n. 13 recante “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”;
– i decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 marzo 2020, 8 marzo 2020, 9 marzo 2020, 11 marzo 2020, 22 marzo 2020, 25 marzo e 1 aprile concernenti disposizioni attuative del citato decreto legge n. 6 del 23 febbraio 2020;
– il D.P.C.M. del 28 marzo 2020 riguardante i criteri di formazione e di riparto del fondo di solidarietà comunale 2020;
RICHIAMATA l’ordinanza della Protezione Civile n. 658 del 29 marzo 2020 riguardante le risorse da destinare e le misure urgenti di solidarietà alimentare;
VISTA la deliberazione di Giunta n. 109 del 29 aprile 2020, avente ad oggetto: “Ordinanza protezione civile n. 658/2020. Indirizzi operazione per erogazione buoni spesa” con la quale sono stati forniti gli indirizzi per modalità di erogazione buoni spesa di cui all’Ordinanza n. 658 del 29.03.2020 del CDPC ed in esecuzione della citata deliberazione di Giunta;

RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO

per fronteggiare mediante misure straordinarie di sostegno in favore di nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus Covid-19 e quelli in stato di bisogno di cui all’Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 658 del 29.03.2020

Art. 1 – Oggetto

Il presente avviso pubblico disciplina i criteri e le modalità di concessione dei buoni spesa di cui all’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 658 del 29.03.2020, adottata al fine di fronteggiare i bisogni dei nuclei familiari impossibilitati ad approvvigionarsi di generi alimentari a causa del venir meno della fonte di reddito, stante l’emergenza epidemiologica in corso.
Quanto previsto nel presente avviso pubblico costituisce quadro attuativo degli elementi dell’art. 12 della legge n. 241/90 e degli obblighi di trasparenza e pubblicità, stabiliti dagli artt. 26 e 27 del D.Lgs. n. 33/2013.

Art. 2 – Definizioni

Ai fini del presente avviso si intendono:
a) per “soggetti beneficiari”, le persone fisiche in possesso dei requisiti di cui all’art. 4 del presente avviso e nella fattispecie riportate nell’allegato;
b) per “buono spesa”, il titolo spendibile negli esercizi commerciali individuati dal Comune di Termoli, il cui elenco è pubblicato presso il seguente sito istituzionale www.comune.termoli.cb.it . Il buono spesa deve essere speso entro la data di scadenza indicata nel predetto buono.

Art. 3 – Importo del buono spesa

Il Buono spesa è utilizzabile per l’acquisto di generi alimentari esclusivamente presso gli esercizi commerciali operanti nel Comune di Termoli, il cui elenco è reperibile sul sito istituzionale del Comune di Termoli, www.comune.termoli.cb.it. L’importo complessivo da erogare mediante buoni spesa e da assegnare fino a concorrenza delle risorse disponibili sulla base del numero dei componenti del nucleo familiare è determinato sulla base della valutazione del bisogno prendendo in considerazione i parametri di cui all’ art. 3 dell’Avviso approvato con determinazione n.675 del 04.04.2020 e dei bisogni del nucleo familiare (presenza di minori e disabili). L’ammontare delle risorse assegnate al Comune di Termoli è pari ad € 236.745,86, nei limiti e fino a concorrenza delle predette risorse si provvede ad erogare buoni spesa a coloro che risulteranno ammessi sulla base dei requisiti previsti dal presente Avviso.

Art. 4 – Requisiti del nucleo familiare per accedere al beneficio

Possono partecipare i cittadini del Comune di Termoli che, alla data di emanazione del presente Avviso, sono in possesso dei seguenti requisiti generali:
– il soggetto richiedente deve appartenere ai nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19 e quelli in stato di bisogno in quanto disoccupati o percettori di reddito, di pensione o qualsiasi altra forma di beneficio o sostegno al reddito (reddito di cittadinanza, reddito di inclusione, NASPI, indennità di mobilità, cassa integrazione guadagni, altre forme di sostegno locale o regionale);
– il soggetto richiedente deve essere residente o dimorante nel Comune di Termoli;
Avranno la precedenza nell’assegnazione dei buoni spesa fino a concorrenza delle risorse disponibili i nuclei familiari in possesso dei predetti requisiti secondo le seguenti priorità:
1. nuclei familiari con figli minori e/o con componenti affetti da disabilità più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19 e quelli in stato di bisogno in quanto disoccupati o percettori di reddito di pensione sociale, o qualsiasi altra forma di beneficio o sostegno al reddito (reddito di cittadinanza, reddito di inclusione, NASPI, indennità di mobilità, cassa integrazione guadagni, altre forme di sostegno locale o regionale), che non sono stati ammessi alle precedenti assegnazioni per eccedenza di reddito, concorreranno nella distribuzione delle risorse tenendo conto della data di acquisizione della domanda presso la piattaforma telematica del Comune di Termoli sulla base degli avvisi approvati e pubblicati con le relative determinazioni;
2. nuclei familiari senza figli minori e/o senza componenti affetti da disabilità più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19 e quelli in stato di bisogno in quanto disoccupati o percettori di reddito di pensione sociale, o qualsiasi altra forma di beneficio o sostegno al reddito (reddito di cittadinanza, reddito di inclusione, NASPI, indennità di mobilità, cassa integrazione guadagni, altre forme di sostegno locale o regionale), che non sono stati ammessi alle precedenti assegnazioni per eccedenza di reddito, concorreranno nella distribuzione delle risorse tenendo conto della data di acquisizione della domanda presso la piattaforma telematica del Comune di Termoli sulla base degli avvisi approvati e pubblicati con le relative determinazioni;
3. nuclei familiari con figli minori e/o con componenti affetti da disabilità più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19 e quelli in stato di bisogno in quanto disoccupati o percettori di reddito di pensione sociale, o qualsiasi altra forma di beneficio o sostegno al reddito (reddito di cittadinanza, reddito di inclusione, NASPI, indennità di mobilità, cassa integrazione guadagni, altre forme di sostegno locale o regionale), che non hanno presentato domanda per i buoni spesa sulla base dei precedenti avvisi;
4. nuclei familiari senza figli minori e/o senza componenti affetti da disabilità più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19 e quelli in stato di bisogno in quanto disoccupati o percettori di reddito di pensione sociale, o qualsiasi altra forma di beneficio o sostegno al reddito (reddito di cittadinanza, reddito di inclusione, NASPI, indennità di mobilità, cassa integrazione guadagni, altre forme di sostegno locale o regionale), che non hanno presentato domanda per i buoni spesa sulla base dei precedenti avvisi;
5. nuclei familiari con figli minori, e/o con componenti affetti da disabilità più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19 e quelli in stato di bisogno in quanto disoccupati o percettori di reddito di pensione sociale, o qualsiasi altra forma di beneficio o sostegno al reddito (reddito di cittadinanza, reddito di inclusione, NASPI, indennità di mobilità, cassa integrazione guadagni, altre forme di sostegno locale o regionale), che hanno presentato domanda e ricevuto il relativo beneficio dei buoni spesa sulla base dei precedenti avvisi;
6. nuclei familiari senza figli minori e/o senza componenti affetti da disabilità più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19 e quelli in stato di bisogno in quanto disoccupati o percettori di reddito di pensione sociale, o qualsiasi altra forma di beneficio o sostegno al reddito (reddito di cittadinanza, reddito di inclusione, NASPI, indennità di mobilità, cassa integrazione guadagni, altre forme di sostegno locale o regionale), che hanno presentato domanda e ricevuto il relativo beneficio dei buoni spesa sulla base dei precedenti avvisi.
7.
Per la valutazione del bisogno sociale dei nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus Covid-19 e quelli in stato di bisogno in quanto disoccupati o percettori di reddito, di pensione sociale o qualsiasi altra forma di beneficio o di sostegno al reddito, si intendono:
– nuclei familiari il cui reddito derivi da lavoro dipendente e il cui datore di lavoro abbia richiesto ammissione al trattamento di sostegno al reddito ai sensi del D.L.18/2020;
– nuclei familiari che non siano titolari di alcun reddito;
– nuclei familiari il cui reddito derivi da attività autonoma e il cui titolare abbia richiesto il trattamento di sostegno al reddito ai sensi del D.L. 18/2020;
– nuclei familiari in stato di bisogno, anche beneficiari del Reddito di Cittadinanza, pensione o altre forme di beneficio o sostegno al reddito, sulla base della valutazione del bisogno sociale con precedenza per coloro che fruiscono di un minor beneficio economico entro i limiti di valore massimo previsti per il reddito familiare o per la Pensione di Cittadinanza, moltiplicato per il corrispondente parametro della scala di equivalenza dei componenti del nucleo familiare come previsti dalla normativa vigente per il Reddito di Cittadinanza. Osservando i criteri di priorità, a parità di requisiti, si riconoscerà l’importo da erogare mediante buoni spesa ai sensi di quanto previsto dall’art.3 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili secondo l’ordine cronologico di acquisizione delle domande da parte della piattaforma telematica del Comune di Termoli, che attesterà data e ora di acquisizione.

Art. 5 – Modalità di presentazione della domanda

L’istanza dovrà essere presentata da un solo componente del nucleo familiare. Al fine di contenere i rischi del contagio, l’istanza deve essere redatta attraverso la piattaforma telematica, messa a disposizione presso il sito istituzionale del Comune di Termoli, www.comune.termoli.cb.it e si può presentare dal giorno 30 aprile 2020, dalle ore 18:00. Il termine di scadenza nella presentazione delle domande tramite la piattaforma telematica del Comune di Termoli verrà stabilito con successivo atto amministrativo. Pertanto le domande non trasmesse telematicamente ma inviate, esclusivamente, su modelli cartacei al Comune di Termoli mediante email o all’ufficio protocollo del comune di Termoli non verranno ammesse.

L’istanza dovrà essere presentata attraverso la modalità che viene di seguito esplicitata:

la domanda deve essere compilata dettagliatamente attraverso piattaforma telematica messa a disposizione presso il sito istituzionale del Comune di Termoli, www.comune.termoli.cb.it . Il sistema telematico attesterà data e ora di acquisizione della relativa domanda. Il sistema telematico provvede all’archiviazione delle domande ricevute e al successivo invio al Comune di Termoli per la loro valutazione. Per i cittadini impossibilitati a trasmettere l’istanza telematicamente saranno messe a disposizione postazioni informatiche abilitate all’acquisizione delle relative domande presso l’ufficio del Comune di Termoli sito in Largo Martiri delle Foibe – ( ex sportello RIECO) nei giorni e negli orari di apertura al pubblico. Presso l’ufficio del Comune di Termoli verranno applicate le misure contenute nei DPCM emanati nell’ambito dell’emergenza COVID, durante l’orario di apertura al pubblico.

Art. 6 – Procedura per la concessione del buono spesa

L’amministrazione comunale si riserva di prendere atto dei soggetti beneficiari con successivo atto pubblico e nel rispetto della privacy di ciascuno successivamente alla fase di erogazione, stante l’urgenza legata all’emergenza in corso. Ai beneficiari, aventi titolo, verrà comunicato al recapito telefonico tramite sms o all’ indirizzo email indicato nel modello di domanda, data e luogo di ritiro del buono spesa. Il richiedente dovrà presentarsi presso il luogo indicato con il proprio documento di identificazione ovvero copia di esso, sottoscrivendo il documento nella formula di autocertificazione o dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai fini del ritiro dei buoni spesa. Le domande acquisite dovranno essere valutate, osservando i criteri di priorità fino alla concorrenza delle risorse disponibili secondo l’ordine cronologico di acquisizione delle domande tramite il sito istituzionale del Comune di Termoli, www.comune.termoli.cb.it .

Art. 7 – Verifica delle dichiarazioni rese

L’amministrazione verifica la veridicità delle dichiarazioni rese in sede di istanza provvedendo all’attivazione delle misure previste dalla normativa vigente in caso di false dichiarazioni. Per eventuali chiarimenti possono essere contattati i seguenti numeri 0875 712515, ovvero 0875 712510.

Art. 8 – Informazione e tutela della riservatezza

I dati relativi al procedimento di cui all’Ordinanza del capo Dipartimento della Protezione Civile sono trattati nel rispetto del Regolamento UE/679/2016 e del D.Lgs. n. 196/2003, unicamente per le finalità connesse alla gestione del procedimento.

Art. 9 – Disposizioni finali

Per quanto non previsto nel presente Regolamento, si fa riferimento alla normativa statale, regionale e comunale vigente. Il Comune si riserva la facoltà di effettuare tutti gli accertamenti atti a verificare la veridicità e la correttezza delle informazioni dichiarate e di richiedere la documentazione integrativa agli organi competenti sulla base dell’autocertificazione resa. Le dichiarazioni mendaci saranno punite ai sensi di legge (art. 75 e 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445) e le relative richieste escluse dai benefici del presente Avviso pubblico.