Agricoltura, in tempi brevi i pagamenti del PSR Biologico, Compensativo ed Integrato

10

Cavaliere: “L’agricoltura si conferma una delle priorità programmatiche di questo governo e lo stiamo dimostrando non con gli annunci, ma con fatti, numeri e obiettivi raggiunti”

nicola cavaliereCAMPOBASSO – L’assessorato regionale all’Agricoltura rende noto che per la prima volta vengono liquidate, entro il mese di dicembre dello stesso anno in cui si presenta la domanda, le tre misure del PSR Biologico, Compensativo ed Integrato. Si tratta di circa 10 milioni di euro che in queste ore, entro la fine dell’anno, arriveranno direttamente agli agricoltori molisani.

“Siamo soddisfatti – commenta Nicola Cavaliere – per questo risultato storico, che non nasce ovviamente per caso ma è frutto di un lavoro di squadra che coinvolge assessorato, funzionari ed assistenza tecnica, uniti da inizio legislatura verso un obiettivo semplice e chiaro: ridurre al massimo i tempi di pagamento e rendere la burocrazia un’opportunità e non un ostacolo allo sviluppo del settore”.

“Inutile sottolineare poi – aggiunge l’assessore – che in questo momento, con la pandemia che morde ancora e con tutte le incognite e le emergenze di tipo economico e sociali, tali liquidità aiuteranno le aziende locali ad affrontare i prossimi mesi con meno ansia e più ottimismo”.

Oltre il 70% dei benificiari che ha inoltrato richiesta riceverà immediatamente i contributi a saldo, la restante parte, a causa di irregolarità presenti nella domanda, dovrà attendere ancora qualche settimana: “Lavoreremo insieme alla struttura – spiega Cavaliere – per correggere anche tali problematiche e soddisfare tutti in tempi rapidi. Solo attraverso il dialogo e un costante rapporto di collaborazione tra amministrazione e territorio è possibile superare le difficoltà. Nessuno sarà lasciato indietro”.

“Infine ringrazio – conclude – il presidente Toma e la Giunta regionale per il sostegno concreto. L’agricoltura si conferma una delle priorità programmatiche di questo governo e lo stiamo dimostrando non con gli annunci, ma con fatti, numeri e obiettivi raggiunti”.