Campobasso, premiazione dei migliori olii extravergine di oliva 2022

54

sommelier bibenda 2022

Si è svolto presso il Museo Sannitico l’evento nazionale Festa delle 5 Gocce i Migliori Olio Extravergine di oliva di BIBENDA 2022

CAMPOBASSO – La Fondazione Italiana Sommelier ha organizzato la premiazione dei migliori olii extravergine di oliva in tutte le regioni italiane. In Molise l’evento si è tenuto presso il Museo Sannitico di Campobasso, domenica 20 marzo dalle ore 10.00, in collaborazione con la Direzione Regionale Musei Molise.

La mattinata è iniziata con il Convegno dal titolo “La Primavera dell’Olio”, presentato dalla Presidente della Fondazione Italiana Sommelier del Molise Dora Formato, con la presenza del Prof. Antonio De Cristofaro dell’Università degli Studi del Molise, il Dott. Davide Delfino della Direzione Regionale Musei Molise e la Dott.ssa Rosanna Ramacciato Biologo Nutrizionista. I relatori hanno illustrato l’aspetto storico dell’olio e la presenza dei reperti all’interno del museo, passando, poi, all’aspetto più tecnico circa i composti olfattivi nell’olio e le loro modifiche positive e negative con le tecniche estrattive e, infine, sull’importanza dell’olio extravergine come alimento e nutraceutico.

A seguire la Premiazione dei Produttori del Molise che hanno conquistato le 5 Gocce, ovvero il massimo riconoscimento della Guida BIBENDA 2022, dal raccolto 2021: il premio è andato all’Olio Extravergine di Oliva Rumignana Selezione Colle d’Angiò dell’azienda Tamaro.

Altre aziende molisane che hanno ricevuto il riconoscimento di 4 Gocce sono state Marina Colonna, Masseria Vittore, Oleificio Di Vito, Principe Pignatelli.

Altri momenti significativi sono stati la consegna dei diplomi professionali, italiano e WSA, ai neo Sommelier del vino: Bellitti Roberto, Di Maio Antonio, Lauriola Giovanni Paolo, Lazzaro Filomena, Lombardi Dominique, Ruggiero Ingrid e l’omaggio alla città di Campobasso di un albero di ulivo, consegnato per l’occasione nelle mani dell’Assessore Simone Cretella.

La Presidente ha spiegato che il dono simboleggia l’impegno nella promozione della Cultura dell’Olio e del Vino, e la speranza e augurio di seminare con appuntamenti come questo al Museo, insieme ai corsi professionalizzanti della Fondazione, il seme per la Cultura in questo settore.

Infine, i Banchi d’Assaggio degli Oli premiati, accompagnati dai prodotti tipici del territorio nelle Sale e nel giardino del Museo Sannitico.