Coronavirus, Coldiretti denuncia: “C’è chi specula sul latte”

22

CAMPOBASSO – “Con l’emergenza c’è chi come in guerra approfitta della situazione di difficoltà e arriva addirittura a speculare sui generi alimentari di prima necessità come il latte”. E’ quanto denuncia Coldiretti nel segnalare “insostenibili richieste di riduzione del prezzo pagato agli allevatori proprio mentre i supermercati vengono presi d’assalto e nelle stalle si continua a mungere per garantire le produzioni e i rifornimenti nelle dispense degli italiani”.

“Una situazione preoccupante che riguarda tutta la Penisola e sta generando preoccupazione anche in Molise, dove si contano diversi allevamenti bovini, di cui molti specializzati nella produzione di latte. Con i cittadini in fila proprio per acquistare gli alimenti base della dieta, il pretesto della chiusura di bar e ristoranti per disdire al ribasso unilateralmente i contratti è inaccettabile in un momento in cui il Paese – sottolinea la Coldiretti – ha bisogno del latte italiano.

Un ricatto per lucrare sulle difficoltà proprio nel momento in cui – precisa la Coldiretti – si moltiplicano le adesioni alla mobilitazione #MangioItaliano” per invitare alla responsabilità e a sostenere la produzione nazionale privilegiando negli approvvigionamenti delle industrie e della distribuzione commerciale il Made in Italy, preferendo le mozzarelle con il latte italiano al posto di quelle ottenute da cagliate straniere. Occorre “evitare che i comportamenti scorretti di pochi compromettono il lavoro della maggiorana degli operatori della filiera, ai quali va il plauso della Coldiretti”.