Dati INPS sulle ore di cassa integrazione maggio: l’appello di Capone

10

paolo capone ugl

ROMA – “Preoccupano i dati dell’Osservatorio dell’INPS sulle ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate nel mese di maggio pari a 54,7 milioni. Un incremento particolarmente significativo pari al +19,8% rispetto al mese precedente. Le conseguenze della pandemia e del conflitto russo-ucraino rischiano di ripercuotersi a lungo sul tessuto economico e sul mercato del lavoro nel nostro Paese. Secondo la Fondazione dei Consulenti del Lavoro, nel 2026 le imprese italiane potrebbero non reperire 1 milione e 350mila lavoratori a causa del calo demografico e della crescita dei cosiddetti ‘inattivi’.

Rilevano, in tal senso, il disallineamento fra domanda e offerta di formazione, l’aumento dei sussidi a pioggia e il rifiuto di lavori a bassa remunerazione. Un quadro allarmante che richiede misure di carattere strutturale nel medio e lungo periodo, a partire da investimenti senza precedenti in politiche attive del lavoro e in programmi di riqualificazione professionale adeguati che consentano di cogliere le nuove opportunità legate alla digitalizzazione e alla transizione energetica”. Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito ai dati INPS sulle ore di cassa integrazione autorizzate nel mese di maggio.