Effetto lockdown, Capone: “I dati forniti da Confcommercio sono allarmanti”

31

paolo capone ugl

“I dati forniti da Confcommercio sono allarmanti. Saranno circa 60 mila imprese tra bar e ristoranti a chiudere i battenti per effetto del lockdown. Stiamo parlando del 20% delle piccole imprese, la spina dorsale su cui poggia l’intero sistema Paese. Mentre la liquidità promessa dal Governo tramite i fondi garantiti tarda ad arrivare e il dibattito relativo alle somme da destinare a fondo perduto è ancora in alto mare, il tessuto produttivo italiano rischia un tracollo economico senza precedenti.

Il suicidio dell’imprenditore napoletano avvenuto nei giorni scorsi è un triste campanello d’allarme di quanti hanno paura di non farcela. In tal senso, imprese e lavoratori hanno bisogno di risposte certe e concrete. É inammissibile che provvedimenti adottati da mesi siano incagliati nelle maglie della burocrazia. É tempo di superare i veti incrociati e varare una seria riforma del fisco volta a riattivare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro per favorire così la ripresa economica”.

Lo ha detto Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, commentando i dati rilasciati da Confcommercio sugli esercizi commerciali.