Gemelli Molise, da ottobre stop Radioterapia oncologia. Lombardi: “La politica batta un colpo”

42

ROCCAMANDOLFI – “Bisogna fare tutto il possibile e anche l’impossibile affinché ciò non accada! Che la politica tutta batta un colpo di dignità e di orgoglio!”. Così il sindaco di Roccamandolfi, Giacomo Lombardi (foto), dopo la notizia che dal 1° ottobre al ‘Gemelli Molise’ verranno sospese, ma solo per i cittadini molisani, le prestazioni di Radioterapia oncologica e nei mesi successivi sono a rischio anche quelle di Cardiochirurgia.

L’annuncio è stato dato ieri mattina in una conferenza stampa dal presidente del Cda, Stefano Petracca, e dal Francesco Deodato, direttore dell’Unità operativa complessa (Uoc) di Radioterapia oncologica. Motivo della decisione, un decreto del Commissario ad Acta per la Sanità, che pone un tetto di spesa invalicabile, anche per le prestazioni salvavita, verso i pazienti molisani.

“Questo tetto di spesa – ha detto Petracca – verrà raggiunto in questi giorni” e, in mancanza di una deroga o di un impegno scritto da parte della Struttura commissariale al cui vertice c’è il presidente della Regione, Donato Toma, “ci troviamo obbligati a interrompere le prestazioni”.