Impennata prezzi carburanti, l’intervento di Roberto Cimini

32

pompa benzina

Il presidente dalla FIGISC Confcommercio Molise: “Siamo di fronte ad un lungo periodo di instabilità e prezzi pesantissimi”

REGIONE – Sulla crisi determinata dall’impennata dei prezzi dei carburanti interviene Roberto Cimini, presidente FIGISC Confcommercio Molise, la federazione che tutela i gestori degli impianti di carburante.

“Prima di qualunque considerazione, una premessa – afferma Cimini – qualunque sia il prezzo della benzina che vi viene chiesto di pagare, ricordate che al benzinaio con la divisa che vedete nel distributore vengono sempre e solo 3,5 cent/litro, qualunque sia il prezzo! E con quei 3,5 cent deve pagarsi tutti i costi, le tasse, la previdenza e, forse, remunerare il proprio lavoro”.

Ma il responsabile della FIGISC (Federazione Italiana Gestori Impianti Stradali Carburanti) entra nel merito: “Dallo scoppio della guerra in Ucraina, la quotazione internazionale dei prodotti raffinati è cresciuta del 18 % per la benzina e del 30 % per il gasolio, con un conseguente aumento del prezzo finale alla pompa, sul quale pesano un’accisa di 0,728 euro/litro per la benzina e di 0,617 per il gasolio, più IVA. Le cause di ciò – prosegue Cimini – non sono solo dovute alla guerra in Ucraina: i prezzi di gas e luce sono in tensione da mesi e da fine gennaio anche il petrolio stava sopra 80 dollari al barile. Ma la guerra ha fatto esplodere i prezzi, anche al di là dei timori che le sanzioni decretate contro la Russia possano far venir meno una parte dei prodotti e ci si è aggiunta una forte speculazione internazionale: non vi è oggi una autentica giustificazione a questi prezzi, che contribuiscono a mettere ulteriormente in crisi imprese e famiglie già provate dai costi delle altre fonti energetiche”.

In questa fase di confusione le tendenze del mercato appaiono sempre più imprevedibili: “Non siamo in grado di capire cosa succederà nel breve termine e l’impressione è che siamo di fronte ad un periodo lungo di instabilità e prezzi pesantissimi, e non sarà certo la cosiddetta transizione energetica a tirarcene fuori. Non si schiaccia un bottone ed improvvisamente tutto si risolve con le fonti alternative, oppure si cambia dall’oggi al domani un fornitore importante. La categoria dei gestori – dichiara ancora il presidente della Figisc Molise – è penalizzata da questa crisi quanto lo è il consumatore. Era già provata dalla prolungata stagione della pandemia, con una drastica perdita di vendite; poi è arrivato il costo dell’energia elettrica, che già prima dei rincari valeva un 20-25 % dei nostri costi, infine ora l’aumento della merce che vendiamo con un enorme incremento della nostra esposizione finanziaria verso il fornitore e delle spese delle commissioni bancarie”.

Infine le conclusioni: “Il benzinaio lavora a margine fisso, non già a percentuale sul valore del prodotto – afferma Cimini – così sono fatti i contratti in questo settore. Vuol dire che ogni situazione che aumenta i costi taglia ulteriormente il nostro piccolo margine e porta inevitabilmente ad un forte segno negativo della gestione economica”.