Isernia: il sindaco vieta botti, razzi e artifici pirotecnici

33

fuochi d'artificioISERNIA – Divieto di esplodere botti, razzi e simili artifici pirotecnici a Isernia, dal 20 dicembre all’8 gennaio prossimo. Lo ha vietato il sindaco Piero Castrataro, con propria ordinanza che fa riferimento ai petardi “identificati nella categoria F2, F3, P1 e assimilabili, come definiti ai punti 5, 6 e 7 dell’art.5 del D.Lgs 123-2015”. L’ordinanza è stata emessa in considerazione dell’utilizzo, “indiscriminato e spesso pericoloso”, durante le festività di prodotti pirotecnici di vario genere da parte dei cittadini.

“L’uso di tali prodotti – si legge nell’ordinanza – può comportare effettivo pericolo non solo per coloro che li adoperano, ma anche per quanti si trovassero a transitare casualmente nelle immediate vicinanze del luogo in cui avviene l’esplosione. Possono determinarsi anche ingenti danni economici alle cose, per il rischio di incendi o connesso al loro contatto con le sostanze esplosive, in particolare in danno di automobili, cassonetti o altro. Il rumore provocato dall’esplosione di tali botti provoca disagio e spavento sia alle persone che agli animali”. Per i trasgressori sono previste sanzioni pecuniarie e il sequestro dei petardi.