ITS Demos Academy, due corsi con Neuromed e Polymeres

32

corsi demos

CAMPOBASSO – Motivare i giovani e trasmettere loro curiosità facendoli sentire parte integrante del processo di formazione che li condurrà al mondo del lavoro. I due nuovi corsi dell’ITS Demos Academy di Campobasso inseguono proprio questo obiettivo, formare i giovani ed inserirli là dove quelle competenze acquisite nel biennio di studio servono a colmare il disallineamento tra domanda e offerta di lavoro.

“Unire la formazione alla ricerca è il pilastro fondante del corso – afferma il direttore didattico della Neuromed, Pasquale Passarelli – Senza dimenticare di essere sempre in linea con la felicità – ha detto agli studenti presenti – La felicità è un progetto misterioso e la prima pietra è l’occupazione. Con il corso Neuromed – ha proseguito Passarelli rivolto sempre ai ragazzi – siete destinati a svolgere un ruolo intermedio tra ricercatore e oggetto della ricerca. Abbiamo bisogno di professionalità nuove che generano occupazione. Quanto più affiniamo le capacità di conoscere tanto più viviamo da protagonisti. Ricerchiamo quindi la felicità – ha concluso – come diceva Epicuro, stando bene con noi stessi”.

I due nuovi corsi dell’ITS Demos Academy – che hanno avuto un bel numero di iscritti – sono Digital Health Assistant (Tecnico Superiore per la ricerca e lo sviluppo di prodotti e processi a base biotecnologica) che si svolgerà in tandem con il centro di ricerca Neuromed di Pozzilli e Plastic Sustainability e Recycling Process (Tecnico Superiore in tecnologie di trasformazione di materie plastiche) in collaborazione con il Centro di ricerca Polymeres della famiglia Valerio. È stato il direttore della R&D di Polymeres, Giovanni Sonzogni, a illustrare agli studenti i punti salienti del corso che andranno a frequentare.

“Vogliamo ridare valore al rifiuto nei nostri percorsi di studio – ha affermato – Gli ITS sono proprio gli anelli di congiunzione tra le aziende e la formazione. Bisogna credere fortemente in un programma di ricerca, approfondimento e portarlo avanti. Gli ITS insegnano un lavoro e quindi – rivolgendosi agli alunni – impegnatevi e credete in quello che andrete ad imparare. Le competenze acquisite saranno domani il vostro lavoro e in futuro il testimone che poi lascerete alle nuove generazioni”.

I numeri di successo degli ITS in Italia sono sotto gli occhi di tutti. “Oltre l’80% dei diplomati ITS trovano occupazione ad un anno dal titolo – ha detto il presidente dell’ITS Demos Academy, Rossella Ferro – Oltre il 92% dei diplomati svolge l’attività lavorativa in un ambito coerente con gli studi svolti. Oltre il 45% dei partner ITS sono imprenditori o associazioni di imprese. I diplomati ITS – ha concluso – possono selezionare le imprese migliori su scala internazionale”.

I diplomati diventano fautori del trasferimento tecnologico verso le imprese del territorio affinché competano sul mercato da ‘first movers’. I corsi, così come ha sottolineato il presidente ma anche Mario Pietracupa (Neuromed) e Antonio Valerio (Polymeres) nei loro interventi di saluto possono essere modulati sulle attitudini dei ragazzi, perché la loro formazione sia accurata, come un abito su misura.