Viaggio in terra di Monacilioni tra storia e fede, Mariarosaria Di Renzo a Ripalimosani

71

Presentazione del libro su Santa Benedetta, Santa Reparata e San Rocco in programma il prossimo 4 gennaio a Palazzo Marchesale

ripalimosani 4 gennaio 2019

RIPALIMOSANI (CB) – Sabato 4 gennaio alle ore 17.30 a Palazzo Marchesale di Ripalimosani ci sarà la presentazione del libro «Santa Benedetta, Santa Reparata e San Rocco – Viaggio in terra di Monacilioni tra storia e fede» di Mariarosaria Di Renzo.

Secondo Simposo Ripa, organizzatore dell’evento: “è l’occasione per riprendere il nostro discorso culturale nelle pregiate stanze dell’ala nobile del Palazzo. Vi invitiamo a partecipare all’appassionante viaggio storico culturale e religioso con l’autrice e con il giornalista, demologo e scrittore Mauro Gioielli il quale ci aiuterà a comprendere meglio l’importanza della nostra piccola-grande storia. Come diceva Tolstoj: «Parla del tuo villaggio e avrai parlato del mondo»”.

PROGRAMMA

  • ORE 17.30 , Tè con dolce Lupacchioli
  • ORE 18.00, Presentazione libro

Ingresso libero, info 338.1916075 – 338.1578748

Mariarosaria Di Renzo (Campobasso, 30 novembre 1971) si è laureata in Scienze Economiche e Sociali presso l’Università degli Studi del Molise. Da oltre vent’anni si interessa di agiografia e tradizioni popolari, in particolare delle feste e dei culti di Monacilioni, paese della sua famiglia e dove lei è vissuta fino al 2002.

Mauro Gioielli è il maggiore demologo molisano, con importanti esperienze a livello nazionale e internazionale. È autore, coautore o curatore di oltre cento opere, ai cui si aggiungono circa mille contributi di giornalismo culturale e di saggistica. Di rilievo il suo impegno con la etnoband “Il Tratturo”, gruppo che vanta tournée in tutto il mondo, varie incisioni discografiche e apparizioni televisive.

Come fiabista, Gioielli ha raccolto e pubblicato un vasto repertorio di racconti, collaborando alla collana ‘Fiabe Italiane’ della Mondadori. Importanti, inoltre, sono le sue indagini sui riti festivi molisani, fra cui, di particolare rilievo, quelli legati al carnevale e al ciclo natalizio, nonché quelli correlati alla religiosità della transumanza. Ha, inoltre, condotto ricerche riguardanti la cultura obliterata, gli antichi giochi infantili, i proverbi dialettali, la gastronomia tradizionale, la cultura materiale, la demoiatria, il teatro popolare, il tarantismo e le danze etniche.

Fra i riconoscimenti attribuitigli: il premio letterario nazionale “Nicola Scarano” 1986, il premio culturale “Sannio Nostro” 1988, il premio “Molise cultura” 2017 e il premio “C. Iezza – G. Capra” 2018.