Nico Angiuli e la danza degli attrezzi a Il MACTE: ecco quando

20
nico angiuli
Nico Angiuli, Amazon Dance, 2021. Onassis Stegi, Atene. Courtesy dell’artista

Martedì 19 ottobre dalle 18 alle 20 incontro con l’artista che presenterà l’inizio del progetto Part-Time Resistance vincitrice del Premio PAC2020

TERMOLI – Il MACTE – Museo di Arte Contemporanea di Termoli è lieto di invitare martedì 19 ottobre dalle 18 alle 20 all’incontro pubblico con l’artista Nico Angiuli, che racconterà alcuni dei progetti artistici da lui realizzati fino ad oggi e introdurrà il progetto Part-Time Resistance, tra i vincitori del Premio PAC2020 – Piano per l’Arte Contemporanea promosso dal Ministero della Cultura.

Grazie a questa iniziativa l’artista inizia il suo avvicinamento alla città di Termoli entrando in relazione con il territorio e in dialogo con vari pubblici del museo attraverso una serie di laboratori e attività nei prossimi otto mesi. Il progetto culminerà a giugno 2022 con la produzione di una nuova opera performativa, Part-Time Resistance, che sarà presentata dal MACTE con la complicità degli abitanti di Termoli e di chi deciderà di partecipare al farsi di questo lavoro.

Nico Angiuli (Adelfia, Bari, 1981) è artista, regista e docente di Tecniche Performative per le Arti Visive all’Accademia di Belle Arti di Bari. Attraverso l’incontro con i territori, la performance e il video, i suoi lavori indagano questioni relative al lavoro agricolo e industriale, le forme di resistenza non organizzate e le disuguaglianze sociali.

Tra le sue opere più recenti, La Danza degli Attrezzi (2011-2017), con cui ha invitato braccianti, performer e danzatori italiani, spagnoli e albanesi, a riprodurre una serie di gesti agricoli senza maneggiare gli attrezzi del lavoro. Ne è nato un video archivio di gesti agricoli divenuto poi una performance collettiva in tre atti, presentata da Care/of Milano nel 2017.

Nel 2018 realizza il film The Human Tools, grazie alla III edizione dell’Italian Council, in esso il corpo è protagonista come strumento di lavoro, portando in scena forme di schiavitù antiche e contemporanee interpretate da robot, operai e lavoratori dell’e-commerce.

Quest’anno Angiuli è stato invitato dalla Fondazione Onassis di Atene a produrre Amazon Dance, con cui ha tradotto in performance uno degli algoritmi più usati da Amazon nei propri centri logistici per mantenere alta l’operatività dei propri dipendenti.

Al momento Angiuli è impegnato nelle riprese conclusive del film Difese Naturali finanziato dalla SIAE – Per Chi Crea, in cui un gruppo di ragazzi di provincia prepara “un attentato agricolo” contro il palazzo del Governo che tenta di sequestrare e distruggere sementi preziose per standardizzare la produzione agricola.