Riapertura Museo Pistilli di Campobasso: date, orari e informazioni

51

sala museo pistilli campobasso

Dal prossimo 28 giugno sarà possibile immergervi in questo piccolo scrigno dell’arte che custodisce opere che vanno dal ‘600 napoletano all’800 e all’arte molisana della prima metà del ‘900

CAMPOBASSO – Il Museo Pistilli di Campobasso riapre dopo l’emergenza Covid-19 – a partire da Domenica 28 giugno. Sarà possibile tornare a immergersi in questo piccolo scrigno dell’arte che custodisce opere che vanno dal ‘600 napoletano all’800 e all’arte molisana della prima metà del ‘900. É possibile a scoprire in tutta sicurezza l’unico museo storico-artistico di Campobasso.

Il Museo aspetta tutti domenica 28 giugno dalle 8.00 alle 14.00 e successivamente ogni domenica con il seguente calendario:

  • Domenica 5 luglio 13.00-19.00
  • Domenica 12 luglio 8.00-14.00
  • Domenica 19 luglio 13.00-19.00
  • Domenica 26 luglio: 8.00-14.00
  • Domenica 2 agosto: 13.00-19.00
  • Domenica 9 agosto: 8.00-14.00
  • Sabato 15 agosto: 13.00-19.00
  • Domenica 16 agosto: 8.00-14.00
  • Domenica 23 agosto: 13.00-19.00
  • Domenica 30 agosto: 8.00-14.00

Quest’Istituto s’impegna per offrire al pubblico un orario di visita quanto più esteso possibile, nel rispetto dei criteri per l’apertura al pubblico, la vigilanza e la sicurezza dei musei e dei luoghi della cultura statali previsti dal D.M. del 30 giugno 2016, in attesa che vengano espletate le previste procedure concorsuali finalizzate al superamento delle attuali carenze organiche e al conseguente incremento del personale in servizio.

Palazzo Pistilli è una residenza signorile di fine diciottesimo secolo edificata nel cuore del centro storico di Campobasso. Si articola su due piani e sei accoglienti sale dove sono esposte le collezioni di arte di Michele Praitano e Giuseppe Ottavio Eliseo, donate allo Stato nel 2012.

Le opere più antiche si possono ammirare al piano terreno, dove parte il viaggio nella storia dell’arte con dipinti del sedicesimo secolo e pregevoli esempi di maioliche napoletane e ceramiche dipinte di diciottesimo secolo. Qui inizia un itinerario doppio: assaggi di arte molisana o di area napoletana e gli interessi e il gusto dei collezionisti attraverso le opere esposte.

Sempre al piano terreno campeggia tra i dipinti una copia del ventesimo secolo della Venere Medici, scultura del primo secolo avanti Cristo conservata a Firenze nella Galleria degli Uffizi e simbolo di ideale classico di bellezza.

Al secondo piano ci si immerge nella pittura tra metà diciottesimo secolo e inizio ventesimo secolo. In mezzo a paesaggi naturali e tematiche mitologiche, si possono assaporare i sentimenti romantici dei pittori settecenteschi e ottocenteschi e i gusti delle loro committenze.

Tra i numerosi ritratti eseguiti tra fine ottocento e inizi novecento, che animano di personaggi curiosi le pareti delle sale del secondo piano, si distingue l’elegante e femminile “Suonatrice di chitarra” immortalata nell’atto di accordare il suo strumento.

Palazzo Pistilli è un luogo per immergersi in sei secoli di storia dell’arte, in un ambiente accogliente e rilassante, che permette di prendersi una pausa in libertà per apprezzare il bello e riflettere sedendosi di fronte ad opere che sono parte di una collezione una volta privata e ora divenuta pubblica per volere dei proprietari.

A seguito di collaborazione con gli istituti scolastici Liceo artistico G. Manzù e Convitto Mario Pagano è stata installata una sala multimediale, che permette di spaziare, dalle opere contenute nel museo e quelle realizzate in edifici e chiese del territorio, da artisti Molisani. i contenuti sono visibili anche al seguente Link: http://www.invisibilevisibile.it/web/website.html

Per prenotare una visita guidata o partecipare ad un evento educativo puoi contattare Me.MO CANTIERI CULTURALI a.p.s.